Lunedì, 27 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Docenti abilitati hanno diritto a concorso per soli titoli. Lettera

di admin
ipsef

Preg.ma Redazione,

i docenti ABILITATI, bloccati nelle graduatorie di seconda fascia, una marea dei quali, da anni mandano avanti la Scuola, non possono essere obbligati a fare un nuovo concorso, bastano le selezioni che già hanno affrontato e superato.

Lo slogan che si deve fare il concorso perché nella buona scuola ci devono essere i docenti migliori, è offensivo per tutta la categoria, per tutta la Scuola. Significa che i docenti in servizio sono elementi da cattiva scuola? Che i docenti più competenti sono solo quelli che per l’ennesima volta si sottopongono a prove, a concorsi ?

Avete visto la serietà garantita dai concorsi? L’ultima è di pochi giorni fa. Nel concorso a cattedra del 2012 le Commissioni esaminatrici, di loro iniziativa, hanno deciso, di non rispettare la   regola, che era  tassativamente stabilita dal concorso, per cui  era ammesso alla prova orale chi avesse riportato 28/40   sommando il voto della prova scritta al voto della prova pratica.

Chi ha avuto la possibilità di sottrarre altre ingenti risorse alla famiglia, ha fatto ricorso, ed ecco  pochi giorni fa la decisione del Consiglio di Stato che ribadisce  che alle prove orali si doveva accedere sommando punteggio prove scritte e prove pratiche.

DOMANDA NON RETORICA: LE CENTINAIA di concorrenti esclusi per un abuso d’ufficio saranno chiamati a sostenere la prova orale? Avranno un risarcimento per i danni economici, esistenziali causati a migliaia di famiglie? I dirigenti che hanno voluto compiere questo gravissimo atto di oltraggio  alla legalità, all’onestà, verranno licenziati e chiamati a risarcire per i danni causati?

SPERIAMO DI SI – perché nella Scuola si fa sul serio, avete visto che dopo 11 anni da quando il prof. X è stato sorpreso, di notte, a fare pipì su un cespuglio – questi, pur essendo un validissimo docente, oggi è stato LICENZIATO: lui, la sua famiglia con tre figli in mezzo ad una strada.

E’ questo un esempio che la buona Scuola fa sul serio????

OPPURE E’ VERAMENTE SCANDALOSO CHE SIA POTUTA ACCADERE UNA COSA SIMILE??

Ora elenchiamo, per quanto possiamo immaginare, la marea di enti e persone che verrebbero arricchite con un concorso che prevede anche più di 200.000 partecipanti.

Non so i costi per organizzare le prove, le commissioni, la logistica, ma noi famiglie di docenti superprecari e superABILITATI siamo chiamati a sborsare altri soldi per acquisto di testi specifici, per la frequenza dei corsi preparatori alle varie prove, a cui si è aggiunta proprio all’ultimo momento, quella della LINGUA INGLESE livello B2.

Al costo contenuto di 500 euro- ecco alcuni sindacati VELOCISSIMI organizzano corsi  per la lingua inglese.

Sappiamo che in passato sono stati, inoltre,  fatti ricorsi su ricorsi per le correzioni non appropriate delle prove scritte per cui gli studi legali e le organizzazioni sindacali hanno raccolto somme di denaro, come il contadino spighe di grano il giorno della mietitura.

Chi ha finito i soldi e non ha potuto ricorrere???????Ma non avrebbe dovuto intervenire d’ufficio un ispettore? Ma non doveva essere, EVENTUALMENTE, presentato un quesito?

Ma non era D’OBBLIGO che nelle Commissioni ci fossero Commissari in grado di “LEGGERE, SCRIVERE ED ANCHE FAR DI CONTO??”

NO, NO, NO è obbligatorio proteggere la legalità, la democrazia, il merito:

- i docenti precari ABILITATI hanno superato tutto e di più….se poi si  accetta  che l’Italia fa parte dell’Europa, qui è tassativamente previsto che chi esercita la professione con il richiesto titolo di studio, per tre anni, E’ ABILITATO.

Andate a verificare  come è stata applicata questa normativa europea!!!!

I SINDACATI hanno avallato tutto questo??!!!!!!

Ma oggi noi urliamo che  VOGLIAMO IL CONCORSO PER SOLI TITOLI!!!

Riusciranno  i nostri eroi ad uscire indenni da questa giungla? Finora sono usciti indenni chi non ha rispettato le norme tassative sul concorso (riferimento a quello del 2012) chi non ha rispettato la normativa UE, chi vuole continuare a banchettare  in privato succhiandosi denaro pubblico ed aggiungendo a questo tutti i possibili ed inimmaginabili rivoli tolti dalle tasche dei precari e delle loro famiglie.

Vi interessa se lasciamo un cartello nel giardino (chi ancora se lo può permettere) per non fare perdere tempo ai lestofanti pubblici e privati, con questo messaggio: “QUI I LADRI SONO GIA’ PASSATI CINQUE  VOLTE, ADESSO NON CI E’ RIMASTO  NULLA”

Concludo con un doveroso ringraziamento se darete spazio a questo grido di dolore, da un popolo di schiavizzati, che ha raccontato solo il 5% dei soprusi subiti.

(D’altronde alcuni che  non hanno  vissuto nei lagher nazisti  sono  arrivati  a sostenere con decisione, che era tutta una invenzione per fare propaganda negativa…)

Però, vi assicuro che i docenti superprecari  SUPERABILITATI,  con le loro famiglie, almeno da 5 anni stanno  subendo questo sistema di indebito arricchimento di qualcuno, e non certo per fare la buona scuola.

GRAZIE da una dirigente scolastica in pensione da 10 anni – mamma e nonna

Carla Pellegrini

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza