Visualizza versione mobile

Domenica, 31 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

I docenti abilitati chiedono concorso per soli titoli per il ruolo. Sono i più preparati, titolati e selezionati della scuola. Lettera

di redazione
ipsef

Migliaia di docenti abilitati, esclusi dal piano assunzionale straordinario previsto dalla 'BUONA SCUOLA' di Renzi, bloccati nelle graduatorie di seconda fascia di istituto sono costretti ad affrontare un concorso a cattedra assurdo, insensato, offensivo, immotivato che, oltretutto, è uno spreco ingentissimo di denaro pubblico e di energie degli stessi insegnanti in servizio, già oberati dal normale lavoro scolastico quotidiano.

Perché il governo ha deciso di 'spolpare' all'osso un'intera categoria di professionisti che da decenni sostiene la scuola italiana? Perché non riconoscere merito al servizio prestato oltreché a tutti i titoli possibili e immaginabili in loro possesso oltre l'abilitazione, per essere costantemente aggiornati?

I docenti di seconda fascia sono i primi ad usare le LIM e i registri elettronici nelle scuole, i primi ad adottare una didattica inclusiva, strategie alternative alla lezione frontale, progettualità didattica e qualsiasi altra modalità innovativa del 'fare insegnamento'! 

I docenti di seconda fascia sono i più preparati, titolati e selezionati della scuola italiana! I docenti di seconda fascia sono i meno assenteisti, i più impegnati e presenti!! Non hanno paura dei cambiamenti, sperimentano, si mettono in discussione, crescono! 

Ma ora dicono basta! È troppo! Non può essere chiesto loro l'impossibile!! Gli viene chiesto di partecipare ad un concorso per titoli ed esami per avere ciò che gli spetta di diritto: il lavoro che hanno fatto e fanno da tutta la vita!!! 

È un concorso iniquo come apparso già dalle varie bozze delle tabelle di valutazione dei titoli e dei servizi; per non parlare dei contenuti e delle domande in lingua straniera che richiedono la conoscenza di livello B2! Ridicolo!

Al liceo classico, ad esempio, la lingua straniera si faceva solo al IV e V ginnasio, all'università di 'lettere classiche' non erano previsti esami di lingua (se non italiano, latino e greco), nel percorso abilitante all'insegnamento, della lingua  straniera neppure l'ombra!! BENE! ANZI MALE! perché al concorso a cattedra 2016, molto probabilmente, l'ago della bilancia sarà la lingua straniera! Un'offesa alla coerenza! 

Non sapevano più cosa inventarsi per mortificare una categoria forte, impegnata, colta, caparbia! per tagliare le gambe ai lavoratori onesti della scuola che fanno questo lavoro con passione e sacrificio!
Lingua straniera a parte (che è di fondamentale importanza e lo sappiamo bene tutti noi), il concorso sarà uno spreco di 300 milioni di euro ... altro che 'pasticcio'!!! È uno scandalo! Una vergogna! 

Questo è un problema di tutti gli italiani...non dei soli docenti!! I docenti non vogliono questo concorso ! Gli italiani non vogliono questo concorso!

La soluzione c'è ed è semplice:  IL CONCORSO DEVE ESSERE PER SOLI TITOLI!  LOTTIAMO per questo!  Lavorare è un nostro diritto!! Siamo sfiniti ma non molliamo!

Una docente della seconda fascia Prof.ssa Romano Simonetta

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza