Giovedì, 30 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Coordinamento Potenziatori Bologna. Le richieste dopo il presidio 10 marzo presso USP

di redazione
ipsef

L’incontro con il dott. Schiavone dell’USP Bologna si è articolato sulle richieste del Coordinamento.

In particolare: 1. Utilizzo del personale assunto su potenziamento

a. Orario di servizio fisso e valido per tutto l’anno scolastico rifiutando forme di flessibilità non previste dal CCNL;

b. Inserimento dei Docenti Potenziatori nei Consigli di Classe, con tutte le prerogative dei membri di un consiglio di classe, compresa la valutazione.

c. Destinare almeno 2/3 delle ore alla didattica limitando quindi le ore da destinare alle sostituzioni.

2. Mobilità

3. Validazione anno di prova per i docenti assunti sul potenziamento ma che hanno deciso di differire la presa di servizio

1. Sulla questione dell’utilizzo del personale assunto sul potenziamento il dott. Schiavone ha confermato che vale per tutti i docenti quanto scritto nel CCNL del 2006: orario settimanale fisso e concordato, utilizzo dei docenti potenziatori nelle classi, prioritariamente sulla didattica rispetto alle sostituzioni. In particolare, alla nostra richiesta ha ribadito esplicitamente che il docente del potenziamento che ha programmato un intervento didattico in una classe non può essere dirottato su altre per supplire alle assenze brevi dei colleghi. Pertanto invitiamo tutti a rifiutarsi di accettare di fare supplenza quando, secondo il nostro orario, dovremmo essere in classe per un intervento didattico e poi a segnalarci tutte le irregolarità rispetto a quanto stabilito dalla normativa, in modo da pretendere l'immediato intervento dell'Ufficio Provinciale. Per quanto riguarda la validazione dell’anno di prova rispetto allo svolgimento delle 120 ore da dedicare alla didattica il dott. Schiavone ha spiegato che non è sua competenza dare indicazioni per riproporzionare il numero delle ore rispetto all’effettiva presa di servizio, ma ha chiarito che nel conteggio complessivo vengono inclusi i giorni di messa a disposizione per sostituzioni anche se non effettivamente svolte, risulta quindi molto importante avere un orario settimanale ben definito e un registro di firma delle presenze. Le disponibilità dei posti per classe di concorso verranno pubblicate prima delle operazioni di mobilità.

2. Sulla questione mobilità e su come verrà articolata l’USP attende risposte dal MIUR. Nulla è stato definito a proposito del vincolo triennale, né è ancora confermata la possibilità di chiedere l'assegnazione provvisoria.

3. Per quanto riguarda i docenti che hanno deciso di differire la presa di servizio mantenendo la supplenza al 30 giugno su classi di concorso non affini o su ordini di scuola diversi rispetto a quelli dell’immissione in ruolo è stato ribadito che le indicazioni nazionali non prevedono deroghe e che quindi non potranno svolgere quest’anno il periodo di prova. Ovviamente a partire dal prossimo anno scolastico avranno 2 possibilità di poter superare il periodo di prova. Il coordinamento sulla questione mobilità richiederà incontro con l’USP tra 10 giorni. Vi invitiamo di nuovo a segnalare tutte le irregolarità e le disparità di trattamento. 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza