Mercoledì, 29 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Congedi e permessi. Permessi 104/92 per assistere la moglie separata. Congedo biennale: la convivenza con il disabile è requisito inderogabile

di redazione
ipsef

consulenza

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica "Chiedilo a Lalla". Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Permessi 104/92 per assistere la moglie separata

Scuola – Buongiorno, con la presente si desidera consulenza sul seguente quesito:Può un dipendente, separato legalmente ( non divorziato) chiede di beneficiare dei 3 giorni mensili della L. 104/92 per assistere il coniuge ammalato con il quale convive ma dal quale risulta legalmente separato? Attendo fiduciosa come sempre le vs preziose indicazioni e porgo cordiali saluti.

Permessi 104/92 per se stessi e per il familiare

Scuola   – è possibile la fruizione contemporanea dei permessi l. 104 da parte del lavoratore dipendente disabile e del familiare dipendente? in attesa sporgiamo distinti saluti.

Congedo per matrimonio e tempo di fruizione

Caterina – Buongiorno, il mio compagno è un insegnante della scuola secondaria superiore entrato di ruolo quest’anno. Per problemi di salute dei miei genitori abbiamo deciso di sposarci il 09/04/2016. Lui può chiedere di usufruire della licenza matrimoniale dal 27/06 in poi, cioè oltre i 2 mesi previsti dal contratto della scuola? Grazie Cordiali saluti

Congedo biennale. La convivenza con il disabile è requisito inderogabile. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buongiorno, sono una Vostra lettrice, attualmente sono impiegata presso il CPIA di X come assistente amministrativa. Ho da porVi un quesito riguardo all’art. 42 della legge 104/92. Un dipendente di una scuola, titolare come accompagnatore per assistenza disabile legge 104 per un fratello, può usufruire dell’aspettativa relativa all’articolo 42, non avendo il fratello convivente in casa ed avendo anche una residenza diversa? Ovvero, tra la residenza e domiciliazione dell’uno e residenza e domiciliazione dell’altro esiste una distanza di un centinaio di chilometri. Per noi si è presentato un caso del genere e prima di poter concedere un tale diritto, vista la normativa al riguardo ed essendoci dei forti dubbi, vogliamo avere la certezza di non commettere errori. Vi ringrazio anticipatamente per la risposta che gentilmente mi Vorreste dare, colgo l’occasione per porgere cordiali.

Permessi 104/92 e decreto di omologa del Tribunale. Chiarimenti per la scuola

Scuola – Buonasera si chiede un parere circa la  possibilità per un docente di usufruire dei giorni di permesso legge 104 art.3.comma 3 senza l’esibizione di un  verbale ma allegando un decreto di omologa del tribunale che “omologa l’accertamento del requisito sanitario e quindi prestazioni di riferimento: indennità di accompagnamento, stato di handicap grave art.3 c.3 legge 104/92”. Si resta in attesa di un  cortese riscontro. Grazie e auguri di buon anno.

Congedo parentale frazionato e programmato

Daniela  – Spettabile redazione, sono una docente di scuola secondaria di secondo grado in servizio su tre scuole (di seguito A,B e C) con 16 ore settimanali e contratto fino al 30 giugno. Dal momento che sto frequentando il corso di specializzazione di sostegno per gli alunni con disabilità, sono risultata beneficiaria dei permessi per il diritto allo studio nella quantità di ore numero 133: per due giorni a settimana (mercoledì e venerdì) dovrò frequentare obbligatoriamente le attività di detto corso fruendo dei permessi studio. Nei restanti giorni della settimana vorrei usufruire dei 30 giorni di congedo parentale retribuito al 100%. La settimana lavorativa risulterebbe dunque così composta e il seguente modulo si ripeterebbe consecutivamente per più settimane: LUN cong.parentale scuola A MAR cong.parentale scuola B MER perm.studio scuola C GIO cong.parentale scuole A-B VEN perm.studio scuole C-A SAB giorno lavorativo “libero”. 1) E’ consentito frazionare il congedo parentale abbinandolo a giornate in permesso studio così come sopra dettagliato? 2) In base al modulo settimanale rappresentato, sabato (mio giorno libero,ma potenzialmente lavorativo) edomenica verrebbero non considerati giorni di congedo parentale,anche perché frapposti tra 2 diverse tipologie di assenza (p.studio venerdì e c.parentale lunedì)? Grazie in anticipo. Distinti saluti.

 

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza