Visualizza versione mobile

Martedì, 26 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Concorso docenti 2016. Precari GaE e 36 mesi di servizio, M5S: ci vuole fase transitoria

di Nino Sabella
ipsef

Concorso docenti 2016. Precari GaE e 36 mesi di servizio, M5S: ci vuole fase tra

I Parlamentari del movimento 5 stelle della Commissione cultura di Camera e Senato, nel commentare la risposta del MIUR a un'interrogazione parlamentare a prima firma di Enza Blundo, criticano aspramente il comportamento del Governo nei riguardi dei precari delle GaE e dei precari non abilitati con più di 36 mesi di servizio, che resteranno fuori dal Concorso. 

I detti parlamentari sostengono la necessità di una fase transitoria non solo per i suddetti docenti ma anche per soddisfare realmente il fabbisogno delle nostre istituzioni scolastiche. 

Viene stigmatizzato, in particolare, il fatto che il Governo, da un lato, promette di voler esaurire le GaE, mentre dall'altro ne rinvia l'aggiornamento al 2019.

Le critiche dei parlamentari pentastellati riguardano anche la decisione del MIUR di affidare la gestione del Concorso al Cineca che, proseguono gli esponenti del M5S, in altre occasioni non si è dimostrato all'altezza come nel caso dei test d'ingresso alla facoltà di Medicina dello scorso anno; nonstante ciò, il Ministero gli assegna 300 milioni di euro per l'espletamento della procedura concorsuale.

"Da un lato il governo promette che le graduatorie ad esaurimento verranno chiuse definitivamente, dall'altro proroga le stesse Gae fino al 2019 con il decreto milleproroghe, dimostrando così la propria totale malafede e prendendo in giro tanti docenti. Non fa invece ciò che servirebbe anche al fabbisogno delle scuole, cioè predisporre una fase transitoria per i docenti abilitati e quelli che hanno 36 mesi che restano fuori dal concorso". Lo affermano i parlamentari M5S della Commissione Cultura di Camera e Senato commentando la risposta del Miur a un'interrogazione a prima firma Enza Blundo sulla vicenda del concorso per i docenti.

"Quello che il governo sta facendo con il concorso per docenti abilitati precari - aggiunge - si conferma un grande pasticcio anche dal punto di vista finanziario. L'organizzazione del concorso, infatti, viene messa nelle mani del Cineca, che già in più occasioni ha dato prove fallimentari, come nel caso dei famigerati test di Medicina dello scorso anno. Eppure il Miur gli assegna 300 milioni di euro per questo nuovo concorso. Non siamo soddisfatti della risposta data all'interrogazione posta alla Giannini, restano aperti interrogativi a cui il Ministro dovrà tornare a rispondere in Senato".

Non soddosfatti, dunque, della risposta alla loro interrogazione, i parlamentari del movimento 5 stelle affermano di voler chiariti ulteriori interrogativi dal ministro Giannini.

 

Tutto sul concorso

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza