Domenica, 26 Giugno 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Concorso 2016. Anief: ripeteremo successi 2012, permettendo partecipazione agli esclusi illegittimamente. Incoerenza tra legge 107 e bando partecipazione

di redazione
ipsef

Concorso 2016. Anief: ripeteremo successi 2012, permettendo partecipazione agli

L'Anief ha commentato, tramite il comunicato di seguito riportato, il numero di domande di partecipazione al prossimo concorso, affermando che il basso numero (50.000) rispetto alle attese è da attribuire probabilmente alle disfunzioni del sistema Polis. 

Alle domande pervenute telematicamente bisogna aggiungerne altre ottomila di quei docenti illegittimamente esclusi, che hanno fatto ricorso tramite il giovane sindacato.

Sono quindici le categorie di insegnanti ingiustamente escluse dalla procedura concorsuale, per le quali l'Anief si batterà in tribunale al fine di tutelarne i diritti. 

Marcello Pacifico afferma di voler ripetere i successi ottenuti nel 2012, quando è stata permessa la partecipazione al concorso "Profumo" a molti insegnanti anche in quel caso esclusi illegittimamente. 

Il sindacato, inoltre, evidenzia la mancanza di coerenza tra la legge n. 107/2015, che permette al DS di proporre l'incarico a docenti dell'ambito anche senza abilitazione per la classe di concorso richiesta, e i bandi di concorso, che permettono la partecipazione ai soli abilitati, quindi ribadisce la volontà del sindacato di permettere a tutti i docenti, che ne hanno titolo, la partecipazione al concorso.

Il comunicato

Si tratta di un quarto degli aspiranti docenti che si aspettava il Miur entro ilprossimo 30 marzo. Il sindacato auspica che l’amministrazione riesca quanto prima a risolvere le difficoltà, in vista di un probabile intasamento dirichieste di accesso al sistema telematico negli ultimissimi giorni.

Anief, intanto, comunica che sono da aggiungere al computo delle iscrizioni alconcorso, anche altri 8mila docenti precari che, secondo il più che discutibile regolamento ministeriale, non avrebbero potuto partecipare ma che hanno fatto ricorso con il sindacato: si tratta di docenti, tutti in possesso di regolare titolo di studio, appartenenti a quindici categorie di insegnantiillegittimamente estromessi dalle prove.

Marcello Pacifico (presidente Anief): vogliamo ripetere i successi del 2012, quandofurono estromessi senza validi motivi migliaia di laureati e docenti precari, ma che con il nostro appoggio hanno partecipato al concorso, per poi vederselovalidare dal Consiglio di Stato. Per questo, permetteremo sino all’ultimo giorno utile, la presentazione della domanda alle tante figure professionali lasciatefuori. A confermare la nostra tesi è anche la Legge 107/2015, che attraverso i commi 79 e 80, dal prossimo anno scolastico dà facoltà ai presidi diindividuare anche personale privo di abilitazione all’insegnamento.

A nove giorni dalla scadenza per presentare le domande di accesso al concorso acattedra, la maggior parte dei potenziali aspiranti docenti non ha presentato la propria candidatura: “finora sono state inserite 50.000 domande”, ha scritto oggi Orizzonte Scuola. Si tratta di meno dei posti a disposizione, 63.712, a cui vanno aggiunti 7mila idonei. Ad incidere sul basso numero,potrebbe essere stato il sistema di inoltro telematico delle domande, che non sarebbe privo di problematiche, derivanti da “difficoltà del sistema di istanze on line”.

Il sistema POLIS – scrive la rivista specializzata –, è noto, non è perfetto e spesso, quando c'è un elevato numero di accessi, si blocca e non si puòutilizzare. Bisogna quindi aspettare magari orari non troppo gettonati, tra la sera tardi e la mattina presto per poter inserire senza troppe difficoltà le domande.Il tutto sperando di non incappare nelle domande della mobilità previste dal giorno 29 marzo, altrimenti il rischio di collasso è davvero alto”.

Anief, nel prendere atto che il numero di domande di partecipazione risulta ad oggidecisamente inferiore alle attese, appena un quarto di quelle attese, comunica che sono da aggiungere al computo delle iscrizioni al concorso, anche altri 8miladocenti precari che, secondo il più che discutibile regolamento ministeriale, non avrebbero potuto partecipare ma che hanno fatto ricorso con il giovanesindacato. Sono docenti, tutti in possesso di regolare titolo di studio, appartenenti a quindici categorie di insegnanti illegittimamente estromessi dalle prove.

Sono interessati al ricorso, al fine di permettere l’ammissione alle prove scritte,tutti i laureati, i dottori di ricerca, i diplomati in Accademia, in Conservatorio, in ISEF, i docenti già di ruolo, i laureandi in Scienze dellaformazione primaria, gli Itp (Insegnanti tecnico pratici), gli abilitandi AFAM, gli abilitati all’estero, i diplomati magistrale-linguistico, gli educatori. Acostoro, si aggiungono gli abilitandi dei corsi universitari Pas e di Sostegno, che hanno pagato una tassa variabile tra i 3mila e i 4mila euro per concludere il percorso formativo entro l’annoaccademico 2014/2015. Quindi, molto prima dell’espletamento dell’attuale procedura concorsuale. E che invece, per poche settimane, si vedrebbero beffatiperché clamorosamente esclusi.

Il sindacato intende invece permettere a tutti costoro di partecipare al concorso a cattedre. Per ricorrere, basta registrarsi sul sitodell’Anief, presentare la domanda e aderire al ricorso attraverso un semplice link, che all’interno riporta tutte le istruzioni in merito. Anief, con l’occasione, ricorda che è opportunoinviare la documentazione prima della scadenza, vista la prossima calendarizzazione degli scritti e le necessarie incombenze per istruire iricorsi in tribunale.

“È nostra ferma intenzione – dichiara Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – ripetere quanto è accaduto conil concorso del 2012, quando furono estromessi senza validi motivi migliaia di laureati e docenti precari, ma che con il nostro appoggio hanno partecipato alconcorso, per poi vederselo validare dal Consiglio di Stato. Per questo, permetteremo sino all’ultimo giorno utile, la presentazione delladomanda alle tante figure professionali lasciate fuori dalla procedura. A confermare la nostra tesi è anche la Legge 107/2015, che attraverso i commi 79 e 80, dal prossimo anno scolastico dà facoltà ai presidi diindividuare anche personale privo di abilitazione all’insegnamento: perchè questa facoltà deve essere invece negata a chi vuole partecipare al concorso,dopo aver costruito il suo percorso formativo proprio per questo scopo?”.

Il sindacato rammenta che i candidati che partecipano al concorso a cattedradevono vedersi valutato tutto il servizio di precariato: pure quello prestato per 180 giorni non consecutivi in scuole paritarie o su posti di sostegno aglialunni disabili. Anche se dalla tabella di valutazione dei titoli contenuta nel D.M 94 emessa dal Miur nei giorni scorsi emergono indicazioni diverse, il sindacato consiglia aicandidati penalizzati da questa norma di presentare ricorsi d’urgenza al giudice del lavoro per veder riconosciuti i diritti lesi e rispettare i criteri meritocratici. Ciò avverrà dichiarando i titoli attraverso un’apposita domanda integrativa, al fine di poter aderireal ricorso entro il 30 marzo.

Secondo lo studio legale Anief, infatti, analogamente a quanto avviene per le GaE, deve essere rispettata, nell’attualeprocedura concorsuale, la stessa valutazione del servizio prestato su posti comuni per 180 giorni, su posti di sostegno o su altra classe di concorso. Epure in scuole paritarie riconosciute. I candidati interessati al riconoscimento di tale servizio possono aderire al ricorso e scaricare ladomanda dal form di adesione al ricorso di loro interesse: CLICCA QUI PER ANDARE AI RICORSI CONCORSO DOCENTI.

Anief comunica, infine, che è ancora possibile prepararsi alle prove concorsualiattraverso il corso e-blended, in presenza e online, sulla legislazione scolastica, sulle discipline e sulla lingua straniera: per maggioriinformazioni cliccare a QUESTO LINK.

Per approfondimenti:

CHI HA DIRITTO A RICORRERE CONTRO L’ESCLUSIONE DAL CONCORSO A CATTEDRA

Tra i candidati esclusi dal concorso vi sono i laureati con il titolo di accessovalido per l’insegnamento, spesso inseriti nella terza fascia delle graduatorie d’istituto, a volte anche in possesso del titolo di dottore di ricerca e conpiù di 36 mesi di servizio alle spalle. Ci sono poi i diplomati presso le Accademie delle Belle Arti o i Conservatori ad essi equiparati. Ma anche ipossessori del diploma ISEF o quello degli ITP (gli insegnanti tecnico-pratici), che è sempre stato ritenuto titolo valido dal Miur, spessonon oggetto di specifiche selezioni concorsuali, mentre il diploma magistrale ad indirizzo linguistico è stato riconosciuto dai tribunali amministrativi,così come la partecipazione del personale di ruolo o degli educatori per la primaria.

Il sindacato patrocina poi i ricorsi per far partecipare i laureandi ospecializzandi SFP o AFAM o PAS, che stanno per conseguire un titolo dopo un percorso universitario a qualche mese dalla scadenza delle domande dipartecipazione, o ancora dei docenti abilitati che stanno frequentando il corso di specializzazione per il TFA sostegno, a numero chiuso, o degli abilitati all’esteroche attendono il riconoscimento del titolo da Viale Trastevere. Anief presenterà ricorso per far ammettere alle prove gli educatori esclusi dallaprimaria (parlando con i codici ministeriali, si tratta dei PPPP che potranno partecipare alla selezione prevista per gli EEEE). Dovrà ricorrere,probabilmente anche chi, presentando come gli altri domanda in versione cartacea, ha conseguito un’abilitazione con riserva della sentenza di meritononostante per il CdS ne abbia diritto.

22/03/2016

Ufficio Stampa Anief

www.anief.org

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza