Visualizza versione mobile

Mercoledì, 27 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

A che pro abilitarsi se i prossimi concorsi saranno per soli laureati? Lettera

di redazione
ipsef

Abilitarsi a che pro?
Se poi basta un concorso per soli laureati (non questo che ci verrà proposto) per entrare nella scuola?
Noi docenti abilitati con il TFA e con il PAS!

Ci avevano detto che era un passaggio indispensabile qualora si fosse voluto intraprendere il percorso dell'insegnamento.
Non bastava certo la sola laurea (ma per un concorso si?). Ci si doveva dimenticare di entrare nella scuola senza una adeguata e precisa formazione e selezione.

Era del tutto evidente (per tutti i maggiori esperti, politici, ecc.) che non era sufficiente un concorso. Anche se non affermato esplicitamente.
Se così fosse stato, non sarebbe stata necessaria alcuna abilitazione all'insegnamento.

Ho capito male? Partecipare ad un concorso, invece, se vinto, ci avrebbe catapultato dentro la scuola in ruolo e senza alcuna formazione o tirocinio?

Si diceva che per avere il "diritto" ad insegnare non era sufficiente il titolo di laurea acquisito (competenza disciplinare) ma, veniva affermato che, non era possibile entrare nella scuola senza che le competenze disciplinari fossero accompagnate da una formazione specifica metodologica, didattica e pedagogica, che comprendesse tutto quello che un docente deve essere e saper fare all'interno della scuola.
Se avevo capito bene un concorso non lo può fare!

Un docente, se tale voleva essere, non poteva essere solo un emerito esperto della propria disciplina, ma doveva essere, per la particolarità del lavoro che voleva e doveva svolgere, un professionista della formazione, della didattica e della inclusione. Avendo acquisito anche una forma pratica dell'insegnare, affiancato da un tutor, in un contesto tirocinante.
Bellissimo.
Fatto!!
Non solo!! Questo percorso, che ci veniva indicato come essenziale e ineliminabile, è stato anche costoso. Molto più della partecipazione ad un concorso.
Non solo!! Al pari di un concorso è stato oggetto di valutazione e SELEZIONE!!

Ora ci si dimentica di tutto quanto detto e affermato allora, solo qualche anno fa, con autorità e convinzione.
Lo hanno creduto più di 200.000 docenti nel 2013 (TFA) da cui uscirono poco meno di 20.000 docenti superselezionati e molti di più nel 2014 (PAS).

Ora ci si dice che ...
Si può entrare nella scuola solo per concorso.
E ci propongono un'altro concorso, addolcendoci l'amara pillola dicendo che è "solo" per noi abilitati"

Bene. propongo uno scenario!

Io abilitato partecipo al concorso e nonostante tutti i miei sforzi e la mia bravura vengo superato da colleghi più bravi di me. E' possibile no?
In fondo si dice che potranno superare questo concorso circa un docente su tre.
E' possibile che tu abbia anche un solo collega più bravo di te, nel terzetto?
Ma non finisce qui. Poiché hai anche insegnato, perchè hai dedicato anni alla scuola, pur non avendo vinto questo concorso, potrai fare qualche supplenza, ma solo a maturazione dei fatidici 36 mesi. E dopo? Devi aspettare il prossimo concorso in cui competerai con i tuoi colleghi "solo" laureati!!

A che cosa è servita l'abilitazione?

UNA EMERITA CONTRADDIZIONE!!!
Per non dire peggio :-)

Nessuno dei parlamentari e governanti o sindacati o associazioni, che lo abbia capito? o forse fanno finta di non capirlo?

Paolo Prioretti

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza