Visualizza versione mobile

Sabato, 27 Agosto 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Assunti fase C immissioni in ruolo con mobilità 2016 potranno passare su organico di diritto

di redazione
ipsef

Rimarrò sempre nel ruolo di "docente potenziatore" o potrò un giorno far parte dell'organico di diritto? Questa è una delle domande più frequenti da parte di chi è stato assunto nella fase C delle immissioni in ruolo, ultimo atto del piano straordinario 2015/16.

Riproponiamo quanto già scritto durante la fase delle immissioni in ruolo, adesso confermato dalla trattativa sulle fasi della mobilità 2016/17. 

Il ruolo del docente potenziatore, da un lato suscita timori, come se si diventasse "insegnanti a tempo indeterminato ma sempre un po' precari", dall'altro attira anche gli insegnanti oggi in ruolo non solo per le potenzialità che esso può offrire a condizione di sovrannumerarietà e cali di organici, ma anche in termini di rivalutazione della professione, un nuovo status nel quale esprimere la propria professionalità al servizio della scuola.

Vedremo cosa accadrà, sicuramente il 2015/16 non è l'anno giusto per comprendere a pieno il significato dell'organico di potenziamento, in quanto le scuole si sono trovate con una autonomia dimezzata, semplicemente chiamate ad esprimere l'ordine di priorità dei campi di potenziamento individuati nella circolare Miur del 21 settembre, senza riguardo alle classi di concorso, nè con alcuna certezza che tale ordine potrà essere rispettato.

Discorso diverso e più complicato invece per la strutturazione del PTOF triennale (2016/2018), che qualificherà l'offerta formativa della scuola e avrà una incidenza notevole anche sulla costituzione degli organici per l'a.s. 2016/17.

Torniamo però ai prossimi neoassunti in fase C. Sappiamo che la provincia assegnata per l'a.s. 2015/16 è provvisori e dunque essi saranno sottoposti alla mobilità straordinaria prevista per l'a.s. 2016/17 dal comma 108 della legge 107/2015.

In questa fase i neoassunti parteciperanno su tutti gli ambiti territoriali a livello nazionale, ai fini dell'attribuzione dell'incarico triennale.

In ciascun ambito territoriale le scuole costituiscono l'organico dell'autonomia, che comprende l'organico di diritto e i posti per il potenziamento, l'organizzazione, la progettazione e il coordinamento, incluso il fabbisogno per i progetti e le convenzioni di cui al quarto periodo del comma 65.

Potrà quindi accadere che nell'attribuzione degli incarichi da parte del DS il docente assunto nella fase sia chiamato a ricoprire un incarico su organico di diritto. La modalità di assunzione non costituirà "un marchio" a livello professionale.

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza