Visualizza versione mobile

Mercoledì, 27 Luglio 2016

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI

Anief, si prospettano nuovi tagli organici ATA. Appello a non fare straordinario per sostituire colleghi assenti

di redazione
ipsef

Anief, si prospettano nuovi tagli organici ATA. Appello a non fare straordinario

Il personale ATA, come apprendiamo da un comunicato stampa dell'ANIEF, potrebbe essere nuovamente oggetto di tagli agli organici. 

Il giovane sindacato informa che, secondo delle loro fonti, l'ipotesi di ridurre gli organici del suddetto personale, ridefinendo i criteri di assegnazione dei posti in rapporto al numero degli alunni iscritti, potrebbe essere a breve calendarizzata dalle commissioni competenti.

Dopo i tagli degli anni precedenti, dopo l'esclusione dal piano straordinario di immissioni in ruolo, il blocco delle assunzioni in attesa di assorbire gli esuberi delle Province e il taglio alle supplenze, è in arrivo, afferma l'ANIEF, questa nuova tegola. 

Il Comunicato

Nelle commissioni Cultura del Parlamento si stanno rivedendo i criteri di assegnazione dei posti in rapporto agli alunni iscritti. Si tratta di unprovvedimento che deriva dal decreto Interministeriale Miur-Mef del giugno 2014 sulla nuova dotazione organica del personale Ata, che aveva a sua voltarecepito la riduzione del 17% della consistenza dell’a.s. 2007/08 (in applicazione della Legge Gelmini 133/2008). Alla base dei tagli, c’è un processodi informatizzazione e di de-materializzazione mai condotto in porto. Quindi, per far evidenziare il dramma che produrrebbero ulteriori riduzioni di amministrativi,tecnici e collaboratori scolastici, è bene che i dipendenti interessati si oppongano a qualsiasi richiesta di lavoro o prestazioni oltre quelle ordinarie.Di recente, la Cassazione ha dichiarato legittimo il rifiuto del dipendente pubblico a svolgere ore di lavoro extra.

 Marcello Pacifico (presidente Anief): abbiamo già presentato ricorso al Tar contro la Nota 27715 del 28 agosto 2015. In questi giorni, è in corso la deposizione di quella class action e, nei prossimi mesi, sapremo così se è stato giusto scalzare dalle immissioni in ruolo i dipendenti precari che vi erano destinati,per far spazio ai lavoratori provenienti dalle province. È ora di finirla con questa politica al risparmio sulla categoria, perché il personale Ata è statodimenticato anche nel ‘potenziamento’ della Legge 107/2015, visto che non c’è stata nemmeno un’assunzione, come per il bonus dell’aggiornamento e i mesi di lavoro estivo.

Per il personale Ata il fondo potrebbe ancora non essere stato toccato. Perché, dopo il taglio di 50mila posti in tre anni, di cui 47mila in meno in un solo triennio, la clamorosa esclusione di amministrativi, tecnici e ausiliari dalle assunzioni della Buona Scuola e dall’assegnazione del bonus di500 euro di aggiornamento, il blocco del turn over nel 2015 per fare spazio al personale perdente posto delle province, e il confermato stop alle supplenze per i primi sette giorni di assenza, ora sarebbe in arrivo un’altra tegola: la riduzionedell’organico, dal prossimo settembre, a seguito della possibile ridefinizione dei criteri di assegnazione dei posti in rapporto al numero di alunni iscritti.

Tale ipotesi, che in base a quanto risulta al sindacato è in odore di calendarizzazione presso le commissioni parlamentari dicompetenza, non è una novità. La disposizione è “figlia” di quel Decreto Interministeriale Miur-Mef del giugno 2014, afferente alla nuova dotazione organica del pealrsonale Ata per l’anno scolastico 2014/2015, che aveva a suavolta recepito la riduzione del 17% della consistenza numerica determinata per l’a.s. 2007/08 (in applicazione la Legge 133 del 6 agosto 2008). Tramite quel decreto si stabiliva che i criteri di individuazione delcontingente Ata si sarebbero dovuti ridefinire periodicamente, sempre dal Ministero dell’Istruzione di concerto con il quello di Viale XX Settembre,previo accordo con la Conferenza unificata delle Regioni incaricata del dimensionamento degli istituti.

La consistenza numerica nazionale dei tagli si tradurrà in singole dotazioni regionali, secondo principi legatialle varie specificità ed al numero degli alunni. E non risparmia nemmeno i Direttori dei servizi generali e amministrativi, che non possono essere piùassegnati negli istituti con meno di 600 alunni iscritti. Il dispositivo prevede, inoltre, l’accantonamento di un assistente tecnico in quegli istituti laddovevi fossero Insegnanti tecnico pratici in esubero e, inoltre, la riduzione dei profili di assistente amministrativo e di collaboratore scolastico tra gliistituti di primo grado e quelli di secondo grado.

Netta contrarietà verso quel decreto è stata espressa, pochi mesi fa, dalle Regioni, da Anci e Upi. Ma ilGoverno ha ribadito il vincolo della Legge di stabilità 2015 in virtù del promesso, pur se mai attuato, processo di informatizzazione e di de-materializzazione.Inoltre, l’amministrazione ha fatto sapere che i tagli riguarderanno principalmente gli assistenti amministrativi, meno gli assistenti tecnici,mentre il numero dei collaboratori scolastici sarebbe “garantito” in virtù della necessità di assistenza agli alunni diversamente abili. Inoltre, lariduzione numerica del personale riguarderà principalmente gli Istituti con un numero di iscritti più elevato e che, quindi, può contare con maggiorpersonale.

Il sindacato reputa a tutt’oggi incomprensibili questi tagli, ad iniziare dagli istituti di grandi dimensioni,con oltre 1.300 alunni, ove gli adempimenti legati al corretto funzionamento dell’attività (nomine, esami, solo per citarne alcuni) prevedono ad esempio lapresenza di più amministrativi sulla stessa area di competenza, proprio in virtù dell’elevato numero di personale (oltre che di studenti). Come reputa nonaccettabile che alle superiori (tranne Tecnici, Professionali e Artistici), si sia provveduto al taglio di un’unità, già alla soglia di 600 alunni, poi a 1.000e quindi a 1.200. Sembra quasi che abbiano cercato i numeri degli assistenti amministrativi previsti per far coincidere i tagli con la cifra stabilita. Ancora peggio èandata per i collaboratori scolastici, in parte “salvati” sia dalla tipologia di incarico (apertura e sorveglianza in primis) sia da reali esigenze di presenza, anche pomeridiana. Ma mantenere la soglia al limite del 10% (12 collaboratori ogni 1.200 alunni) faràcertamente scaturire problemi al corretto funzionamento delle scuole, specialmente in quelle comprendenti più plessi e più indirizzi o ordini discuola.

Inoltre, il “presunto” incremento di posti di collaboratore scolastico in presenza di un elevato numero di alunnidisabili è certamente insufficiente, dato il trend in crescita delle concessioni di sostegno. Senza dimenticare che il personale non è sufficientemente preparato e soprattutto formato,secondo la normativa vigente, per l’assistenza dedicata; manca inoltre anche il riconoscimento della figura superiore, relativa al Collaboratore Scolasticoaddetto ai servizi (Area As). E, con un maggior numero di alunni disabili, aumenta la necessità di personale, il quale non può dedicarsi sporadicamente airagazzi, magari in pieno svolgimento di altre funzioni abbandonando, quindi, il posto di ingresso per far fronte alle necessità dell’alunno.

Alla luce di queste indicazioni, Anief chiede al personale Ata di declinare qualsiasi invito da parte della propriaamministrazione nello svolgere ore di straordinario: in caso contrario, i tagli effettuati su amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici, oltre che il blocco delle supplenze per la prima settimana di assenza, sarebbero “tamponati” direttamente dal personale in servizio. Sono diverse le norme e le sentenzetrovate che supportano questa richiesta.

A partire dall’art. 5-bis del R.D. n. 692 del 1923, il quale dispone, al secondo comma, che il ricorso al lavoro straordinario deve essere contenuto e che, “in assenza di disciplina ad operadei contratti collettivi nazionali”, esso “è ammesso soltanto previo accordo tra datore e prestatore di lavoro” e che “le prestazioni di lavorostraordinario sono rivolte a fronteggiare situazioni di lavoro eccezionali e non possono essere utilizzatecome fatto ordinario di programmazione del tempo di lavoro e di copertura dell’orario di lavoro. La prestazione di lavoro straordinario è disposta sulla base delle esigenze individuate dall’amministrazione, rimanendoesclusa ogni forma generalizzata di autorizzazione.” Di recente, anche la Cassazione, con sentenza nr. 17582/2014 ha dichiarato legittimo il rifiuto del dipendente pubblico a svolgere lavoro straordinario.

Sono provvedimenti che si sommano ad altri, tutti sulla stessa linea. Oltre ai tagli dell’ultimo Governo Berlusconi, abbiamo assistito alla Legge di Stabilità 2015, (la Legge 190/14 art. 1) che ha introdotto l’obbligo, per i dirigenti scolastici, salvo casi particolari, a nominare i supplenti delpersonale Ata solo dall’ottavo giorno di assenza. Con effetti negativi prevedibili. E con i tagli alle supplenze “brevi” proprio tra il personale Ata, molte scuole sono state messe in ginocchio. E a poco è servitala nota n. 2116 del 30 settembre 2015, che ha dato facoltà ai presidi di nominare supplenti anche “per i primi sette giorni di assenza” però per il solo “profilo di collaboratorescolastico”. Lasciando completamente scoperto il servizio in tutti i casi di assenza di assistenti amministrativi e tecnici.

Il Governo in carica ha quindi confermato questa manovra nell’ultima Legge di Stabilità. E precedentemente aveva pensato bene di attuare un piano straordinario di assunzioni “dimenticando”clamorosamente il personale Ata. Superandosi, quando ha deciso di congelare le oltre 5mila assunzioni già annunciate per coprire almeno il turn over, in attesa di conoscere il destino del personale in esubero delle province. Apoco sono servite le parole del ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, di “riprendere a partire dal prossimo anno scolastico".

“Questo assurdo blocco del turn over – ha detto Marcello Pacifico, presidente Anief – sta svilendo la professionalità di migliaia di amministrativi,tecnici e ausiliari. Il nostro sindacato ha già impugnato quella mancata assunzione e l’illegittima sottoscrizione di tutti i contratti annuali con scadenza 30 giugno 2016, anziché 31 agosto 2016: per tale motivo, abbiamopresentato ricorso al Tar contro la Nota 27715 del 28 agosto 2015. In questi giorni, è in corso la deposizione di quella class action e nei prossimi mesi sapremo se è stato giusto scalzare dalle immissioni in ruolo i dipendenti precari chevi erano destinati, per fare spazio a dei lavoratori provenienti dalle province. È poi paradossale che questo stesso personale sia stato dimenticato anche nel‘potenziamento’ della Legge 107/2015, come per il bonus dell’aggiornamento e i mesi di lavoro estivo”.

I diritti del personale Ata hanno dunque raggiunto livelli minimi: niente assunzioni, niente aggiornamentoprofessionale, contratti ridotti di due mesi (luglio e agosto) e niente sostituzioni fino a 7 giorni, salvo casi particolari. Ecco perché occorre ricorrere in tribunale: per dimostrare che nelle scuole non lavorano dei fantasmi. Ma dei lavoratori in carne o ossa.

 
Per approfondimenti:

 Come si ricorre con Anief per chiedere l’inserimento a pettine in Seconda FasciaG.I. ABILITATI e ABILITANDI

 Precariato, la Commissione UE risponde alla prima denuncia: le assunzioni non sono un“regalo” del Governo, ma imposte da Bruxelles

 Subito un decreto che autorizzi le 150mila assunzioni già previste dalla legge,altrimenti ricorsi ad oltranza

 Renzi ora minaccia di assumere solo 1 docente dei 7 a cui 9 mesi fa era statapromessa la stabilizzazione

 DDL Scuola – Sono 70mila i precari che ricorreranno in tribunale: chi hafrequentato i corsi di abilitazione Pas o i Tfa ha diritto all’assunzione, non a pillole amare presentate come regali

 DDL Scuola – Il maxiemendamento non risolve nulla: tagliate fuori le nuovegenerazioni di docenti

 Riforma scuola, i profili di incostituzionalità nel ddl ‘Buona Scuola’ (Il Fatto Quotidiano del 29 giugno 2015)

 DDL Scuola – Sulle assunzioni è caos: avverranno ad anno scolastico iniziato ed 1precario su 2 avrà solo la nomina giuridica, poi sarà scelto dal preside il prossimo anno

 DDL Scuola – Riforma a vele spiegate verso l’approvazione finale, l’anno scolasticosi aprirà all’insegna di disagi e caos

 DDL SCUOLA – Le assunzioni di 100mila docenti precari si giocano col ballottaggiotra le fasi A, B e C: in tanti faranno ricorso in tribunale

 DDL SCUOLA – Precariato, la riforma rinnega la Corte di Giustizia europea: perdecine di migliaia di precari niente assunzioni e addio supplenze

 La Circolare Miur A00DGPER 0019400 del 3 luglio 2015: Anno scolastico 2015/2016 -adeguamento degli organici di diritto del personale docente alle situazioni di fatto

 Il Miur emana la circolare sugli organici, ignorando la riforma che sta per essereapprovata: entro l’11 luglio i dirigenti dovranno rispondere con i vecchi parametri

 Organico di fatto, le tabelle per Regioni. Tagliati 2.145 posti (Orizzonte Scuola dell’8 luglio 2015)

 Grazie ai “buchi” della riforma e ai vincoli del Mef nuovo anno a rischio caos: tuttotace su assunzioni Ata, presidi senza vicari e assistenti amministrativi che faranno i Dsga

 Le 6.243 assunzioni Ata dirottate alle province. Ultimatum Anief al Miur: se entrolunedì non arriva la smentita, parte class action e scriviamo alla Commissione UE

 Mancate assunzioni personale Ata, dal Miur una risposta minimale: Anief avvia ilcontenzioso

 ANIEF avvia class action contro MEF e MIUR per sbloccare 6 mila assunzioni delpersonale ATA ed educativo sul turn over

 Il personale Ata non è figlio di un dio minore: dimenticato dalla riforma, nienteassunzioni, supplenze brevi e concorsi

 Miur dà facoltà ai presidi di sostituire i bidelli anche dal primo giorno: vittoriadel sindacato, ma ora si faccia altrettanto con amministrativi e tecnici

 Scuola, l'ultimo fronte: se i bidelli si ammalano si rischia la chiusura (La Repubblica del 16 settembre 2015)

 Contro il personale Ata è in atto una vera persecuzione. Anief: così salta la riformada attuare nelle scuole

 Madia proroga al prossimo anno le mancate assunzioni del personale Ata. Anief non cista: svilite le loro professionalità, ricorriamo in tribunale

 

7 marzo 2016                                                                                                           

Ufficio Stampa Anief

www.anief.org                                                                                                               

 

 

Versione stampabile
anief anief
anief mnemosine eiform


In evidenza