Mobilità: scelta delle sedi, precedenze, sostegno, titolarità

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Riportiamo le ultime risposte dei nostri consulenti nella rubrica “Chiedilo a Lalla”. Ricordiamo che per le istituzioni scolastiche abbiamo approntato un canale di consulenza gratuita e con risposta garantita.

Mobilità 2017/18 per docente titolare su ambito: sarà possibile chiedere fino a 5 scuole anche appartenenti all’ambito di titolarità

Monica –  Ho titolarità su ambito. Se volessi acquisire titolarità su scuola posso indicare scuole dello stesso ambito o solo quelle di ambito diverso? Grazie.

Docente titolare su ambito: non può chiedere trasferimento nella scuola dove ha ricevuto incarico triennale

Adele – Sono una docente immessa in ruolo su ambito, nella prima sede da me indicata. Vorrei chiedere, però, se, desiderando rimanere nella medesima scuola, posso inoltrare domanda per passare da ambito a classe, e, in caso di risposta affermativa, quale procedura seguire. Grazie e buon lavoro

Mobilità e preferenze: è possibile, volendo, chiedere solo ambiti o solo province, senza preferenze analitiche su scuola

Gaetano – Sono un docente immesso in ruolo su ambito ed intenzionato a presentare domanda di mobilità territoriale interprovinciale. Non ho ancora ben chiaro l’argomento afferente le 15 preferenze.  Ad esempio: se decidessi di non optare per le singole  scuole posso scegliere 15 ambiti e nessuna scuola? O sono obbligato ad  indicare obbligatoriamente le 5 scuole? Inoltre, mi sembra di aver capito in alcune vostre risposte che si possono scegliere  anche le province.  Quindi nella domanda di mobilità territoriale, in luogo di indicare gli ambiti,  posso indicare direttamente 15 province omettendo di indicare  ambiti e scuole? In attesa di un cortese chiarimento vi ringrazio in anticipo e saluto cordialmente.

Mobilità 2017/18: regole uguali per docenti neo-immessi e docenti in ruolo da molti anni

Pina – Sono un insegnante di ruolo dal 1996, insegno matematica e fisica in un liceo scientifico della provincia X, per esigenze di famiglia vorrei chiedere trasferimento in un’altra regione , vorrei sapere se per chi è di ruolo da tanti anni , valgono le stesse modalità per la mobilità cioè chiamata diretta , titolarità su ambito o scuola. In attesa di una risposta ringrazio in anticipo.

Invalidità, handicap e benefici. Chiarimenti

Rita  – Buon giorno sono un’insegnante di ruolo della scuola secondaria. Mi  è stata riconosciuta una invalidità del 46% e un handicap comma 1 art 3. Ci sono dei benefici a cui ho diritto? Ho motivo di presentare la documentazione alla scuola? Grazie.

Precedenza per assistenza genitore disabile. Chiarimenti

Cristina – Gentile personale di OS, scrivo per conto di mia cugina, docente di ruolo di Secondaria di secondo grado. Mia cugina, che intende fare domanda di mobilità/trasferimento, usufruisce della legge 104 per assistenza a suo padre. Quest’ultimo è invalido civile. Nella domanda di trasferimento provinciale, relativamente al prox. a.s., mia cugina ha la precedenza soltanto per le scuole ubicate nel comune viciniore di residenza dell’assistito (cioè di suo padre) o per tutte le scuole che indicherà nella domanda, sempre all’interno della stessa provincia (quella di titolarità che corrisponde a quella di residenza dell’assistito)? Parlo di comune viciniore in quanto nel comune di residenza del padre non esiste nessuna istituzione scolastica di Secondaria di secondo grado. Ringrazio per la risposta.

Trasferimento da sostegno a posto comune: si può esprimere anche una sola preferenza nella scuola di titolarità

Giuseppina – Sono una docente di scuola primaria, di ruolo dal 1998 su posto di sostegno. Volendo fare domanda di passaggio su posto comune, posso chiedere come sede solo la scuola di attuale titolarità?

E se non dovessi ottenere il passaggio, rimarrò nella mia sede?

Chiedilo a Lalla

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief