Mobilità. Trasferimento provinciale: vi anticipiamo come acquisiranno la titolarità i DOS

di redazione
ipsef

Riproponiamo ai nostri lettori un articolo del 4 febbraio nel quale anticipavamo come i docenti DOS (Dotazione Organico Sostegno) secondaria superiore acquisiranno la titolarità in provincia.

Riproponiamo ai nostri lettori un articolo del 4 febbraio nel quale anticipavamo come i docenti DOS (Dotazione Organico Sostegno) secondaria superiore acquisiranno la titolarità in provincia.

Tali docenti come sappiamo non hanno al momento una titolarità ma appartengono alla Dotazione Organica di Sostegno e ogni anno chiedono utilizzazione per poter avere una sede.

Nella prima fase punto 1 (detta FASE A) dell’art. 6 del nuovo CCNI è stato invece stabilito che nella fase provinciale acquisiranno la titolarità su scuola tutti i docenti assunti entro il 2014/15 che chiederanno trasferimento all’interno della provincia compresi anche i titolari sulla DOS, i docenti in sovrannumero e/o in esubero, e coloro che hanno diritto al rientro entro l'ottennio.

Come avverrà di fatto l’acquisizione della titolarità per i DOS?

Con il nuovo Contratto (in via di definizione) e in base a ciò che è stato stabilito per la FASE A punto 1, tale personale (attualmente della dotazione organica di sostegno) è assegnato, a domanda, in titolarità alla scuola di attuale servizio se disponibile in organico di diritto, diversamente partecipa alle ordinarie operazioni di mobilità.

In base ai termini che verranno stabiliti dall'apposita ordinanza ministeriale il docente dovrà quindi presentare domanda al proprio ATP, al fine dell’assegnazione della scuola di titolarità.

Precisiamo che tale fase riguarda esclusivamente i docenti DOS assunti entro l'a.s. 2014/15. I neoassunti in ruolo nell'a.s. 2015/16 su DOS parteciperanno alla fase di mobilità stabilita dalla sequenza contrattuale in base alla fase in cui sono stati assunti in ruolo. 

Segui le notizie sulla mobilità con il   tag Mobilità   o direttamente sul tuo cellulare con il canale gratuito Telegram

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief