In Marocco marcia di migliaia di docenti contro i tagli alla scuola

di redazione
ipsef

Migliaia di insegnanti in Marocco hanno sfidato il divieto di organizzare marce di protesta per manifestare contro i programmati tagli alla scuola.

Migliaia di insegnanti in Marocco hanno sfidato il divieto di organizzare marce di protesta per manifestare contro i programmati tagli alla scuola.

Cantando "Siamo pronti ad andare in prigione" ed altri slogan, i dimostranti si sono avvicinati alla sede del Parlamento a Rabat, capitale del Marocco.

Nei mesi scorsi tirocinanti e giovani insegnanti sono scesi in piazza in numerose città per contestare i tagli all'educazione ma la polizia è intervenuta, spesso con violenza, per disperdere le manifestazioni.

Oggi i poliziotti antisommossa sono stati schierati lungo tutto il percorso della marcia. Uno degli organizzatori, Wadi Al-Mrimar, ha detto che l'autobus sul quale stava andando alla manifestazione è stato seguito dalla polizia.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief