Incontro Miur-CoDis: 1 scuola su 3 in reggenza dal 1° settembre, superare criticità in attesa del concorso DS

di redazione
ipsef

comunicato CoDiS – Nella giornata di Martedì 11 aprile il Coordinamento piemontese dei Collaboratori del dirigente Scolastico, CoDiS, rappresentato dalla Prof.ssa Mara Degiorgis ha incontrato al MIUR la Dirigente
dell’Ufficio II della Direzione generale per il Personale Scolastico, Dott.ssa Sabrina Capasso con i suoi collaboratori. Mediatrice dell’incontro la Senatrice Patrizia Manassero che da tempo collabora e sostiene le istanze di CoDiS, coordinamento nato nel 2014 proprio dalla Provincia di Cuneo dove risiede la Senatrice.

CoDiS porta avanti dal 2014 le istanze dei docenti che svolgono la delicata funzione di collaboratore vicario; l’art. 25bis, comma 5 del D.Lgs. 59/1998 (Disciplina della qualifica dirigenziale dei capi d’istituto delle istituzioni scolastiche autonome) ha sancito che «nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative e amministrative, il dirigente può anche avvalersi di docenti collaboratori da lui individuati, ai quali possono essere delegati specifici compiti». Tale nomina, di natura prevalentemente fiduciaria, sarebbe stata finalizzata al coinvolgimento nella gestione della scuola di insegnanti che, a giudizio del dirigente, si fossero mostrati in possesso delle competenze richieste per il raggiungimento di particolari obiettivi e risultati.

Nel tempo però non sono mai state definite mansioni e ruoli specifici per queste figure che rappresentano lo snodo cruciale per la governance della scuola. Il ruolo dei Collaboratori spazia dalla progettazione al coordinamento e, non in ultimo, alla sicurezza: sono, infatti, una sorta di fac totum della scuola, sempre a disposizione del DS e dei colleghi, nonché responsabili penultimi di ogni tipo di criticità. Gran parte di queste figure di sistema svolgono al contempo l’attività di docenza e, pertanto, sono impegnanti anche in attività didattiche.

Della delegazione CoDIS ha fatto parte anche il Dirigente Scolastico Tarcisio Priolo, proprio per rappresentare al Ministero il lavoro fatto negli anni dal Coordinamento; lavoro di studio, riflessione e proposte nate sempre dalla collaborazione tra docenti e dirigenti. Infatti il Coordinamento piemontese ha al suo interno anche un buon numero di Dirigenti, convinti che soltanto un’ottica di “collaborazione” e non di “contrapposizione” per difendere diritti acquisiti, possa permettere alle scuole di lavorare serenamente in una fase di grandi e importanti cambiamenti.

CoDiS ha portato al MIUR una proposta, che nelle prossime settimane verrà articolata e declinata nei dettagli, con l’obiettivo di contribuire a superare, transitoriamente ma in maniera costruttiva, le difficoltà in cui verserà una scuola su tre, sul territorio nazionale, dal prossimo primo settembre 2017.

Sono queste le stime che ci dicono che dal primo settembre 2017 un terzo delle scuole sarà senza Dirigente Scolastico a causa del protrarsi dell’inizio delle procedure concorsuali.

Come coordinamento CoDIS siamo consci che tali procedure hanno, al momento, un iter difficoltoso e non potrebbero comunque assicurare un sereno inizio di anno scolastico 2017 , per questo abbiamo presentato
una proposta per dare una soluzione, se pur temporanea, alla questione.

Ringraziamo la Senatrice Manassero per il suo sostegno, per aver compreso appieno quanto la governance della scuola rappresenti un nodo cruciale per la messa a regime di tutte le importantissime novità strutturali e concettuali contenute nella Legge 107/2015, e di conseguenza, cercare di mettere “in rete” i soggetti che possono dare soluzioni concrete e ragionevoli alla questione.

Per CoDiS
Mara Degiorgis

Versione stampabile
anief anief