Immissioni in ruolo, perché non attribuire posti sostegno media non assegnati alla scuola superiore? Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Ferraiolo Adele – Le immissioni in ruolo 2017-2018, ormai è evidente che sono state fatte in maniera a dir poco frettolosa.

In molte province, le programmazioni dei contingenti sono risultate errate. I posti residuati sia nelle CdC che nel sostegno, non sono solo al nord, ma anche al sud!!!!

Riguardo gli insegnanti di sostegno scuola secondaria di secondo grado, non si capisce perché in tante province italiane con numeri altissimi di cattedre in organico di fatto, sono state assegnate al ruolo solo poche cattedre (Esempi, Napoli – solo 12 ruoli e Reggio Calabria – solo 3 ruoli). E’ anche accaduto, che in molte province, sono state destinate pochissime cattedre al sostegno scuola secondaria di secondo grado, mentre per i ruoli alla scuola secondaria di primo grado (AD00) siano andate perse tante cattedre (per GaE e GM esaurite), utilizzate poi, per le assegnazioni e per gli incarichi a TD.

Poiché tale situazione si riscontra in tante province, con elenchi di sostegno GaE (AD01, AD02, AD03 e AD04) ancora capienti e con ruoli restituiti dalla scuola secondaria di primo grado (AD00), perché il MIUR, al fine di assicurare ai discenti gli insegnanti di sostegno, ma anche per evitare di perdere parte dei posti destinati alle immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2017/2018, non dispone l’assegnazione di queste cattedre di sostegno alla scuola secondaria di secondo grado con decorrenza giuridica 01/09/2017 ed economica 01/09/2018?

E’ giusto perdere la possibilità di essere immessi in ruolo a causa di errori nella composizione dei contingenti?

SINDACATI COSA NE PENSATE!!!!

Versione stampabile
anief anief