Lunedì, 27 Aprile 2015

mnemosine
SERVIZI
SPECIALI ESPANDI
Valutazione scuole. RAV: solo incombenza non retribuita? Qualche perplessità …
di Katjuscia Pitino
Immagine valutazione scuole RAV

La compilazione del RAV dovrebbe rappresentare una grande occasione di interlocuzione tra i diversi attori che si muovono a vario titolo all’interno della comunità scolastica, a patto che l’intento partecipativo e condiviso, non sia assoggettato ad una logica di mero adempimento, per scelte interne all’istituzione scolastica o perché così deciso dall’organo dirigenziale.

Valutazione Scuole. Chi compila il RAV, e come. Responsabilità
di Katjuscia Pitino
Immagine RAV Rapporto Autovalutazione scuole

Qual è la struttura del RAV e come si compila. Una guida alle 5 sezioni, una riflessione su ognuna di esse, indicazioni su chi dovrà occuparsi della grande mole di lavoro richiesta alle scuole.

 

In questa prima fase, anno scolastico 2014/2015, le scuole elaboreranno il RAV (ne abbiamo parlato qui) il cui format, di competenza dell’INVALSI, comprende:

Legge 104. 3 giorni di permesso per assistenza al disabile, guida gratuita
di Paolo Pizzo
Guida legge 104

La guida è rivolta a tutti gli operatori della scuola (Dirigenti, docenti, personale ATA e segreterie scolastiche). Lo scopo è quello di offrire, gratuitamente, una raccolta di tutte le norme che riguardano una materia molto complessa e che crea sempre delle incomprensioni nella sua applicazione all’interno della scuola.

Dirigenti, fornire il documento di valutazione rischi ai sindacati è obbligatorio. La sentenza
di redazione
Sentenza dcumento di valutazione rischi

Il DVR, cioè il Documento di valutazione dei rischi (DVR) deve essere obbligatoriamente compilato da tutti i Dirigenti. Si tratta di un documento importante che serve per la sicurezza e la tutela psico-fisica del personale della scuola e la compilazione deve avvenire per legge, secondo il Decreto legislativo n. 81 del 2008.

Evacuazione di alunni con disabilità visiva
di Natalia Carpanzano
Sicurezza e disabilità visiva

Nel caso sia necessario evacuare persone ipovedenti o prive totalmente della vista l’addetto all’evacuazione (insegnante di sostegno e/o persona specificatamente individuata)  prenderà sottobraccio la persona interessata e la accompagnerà lungo il percorso di esodo, avendo cura di fornire tutte le indicazioni su eventuali ostacoli o sul tipo di percorso che si sta effettuando.

Ingiurie. Offese tra docenti e da parte di dirigenti e genitori: norme e sentenze
di Katjuscia Pitino
Insulti

Le parole sono pietre” annuncia il titolo di un romanzo di Carlo Levi e in effetti, in ambito scolastico, parole offensive, scambi verbali poco gentili e lesivi dell'onore, tra docenti o tra dirigenti e docenti potrebbero avere spiacevoli conseguenze legali, tanto da risultare gravi come macigni. Occhio quindi ai diverbi e alle discussioni accese e non controllate nei toni.

anief mnemosine eiform

Seguici su Facebook


In evidenza

La scuol@ di Pav