Gite scolastiche. Anav: il diritto alla sicurezza degli studenti è prioritario

di redazione
ipsef

"Il diritto alla sicurezza degli studenti viene prima di tutto". L'Anav, Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori, aderente a Confindustria, plaude all'iniziativa del Miur, realizzata in collaborazione con il Ministero dell'Interno, di proporre linee guida da seguire per garantire massimi standard di sicurezza del trasporto scolastico.

"Il diritto alla sicurezza degli studenti viene prima di tutto". L'Anav, Associazione Nazionale Autotrasporto Viaggiatori, aderente a Confindustria, plaude all'iniziativa del Miur, realizzata in collaborazione con il Ministero dell'Interno, di proporre linee guida da seguire per garantire massimi standard di sicurezza del trasporto scolastico.

"Non solo – spiega una nota – per il principio, ma anche perché è da tempo impegnata proprio sul tema della sicurezza dei viaggi d'istruzione. Con la campagna 'Sicurezza 10 e lode', con l'omonimo blog www.Sicurezza10eLode.it e con lo spot realizzato in collaborazione con la Polizia Stradale, Anav è, infatti, attiva ormai da mesi nella sensibilizzazione sul rispetto delle regole nell'organizzazione delle gite scolastiche".

"L'autobus – sottolinea Nicola Biscotti, presidente Anav – come dimostrato anche da autorevoli studi internazionali, è un mezzo di trasporto collettivo confortevole, ecologico ed economico, oltre che sicuro, e quindi ben venga il controllo dello stretto rispetto delle norme vigenti in tema di sicurezza, sia per quel che riguarda le condizioni dei veicoli, sia la condotta dei conducenti. Autobus e gita scolastica sono infatti da sempre un binomio inscindibile, garanzia di crescita culturale e sociale dei nostri giovani – prosegue Biscotti – ma anche occasione di sviluppo e occupazione per un settore che fattura circa 350 milioni di euro l'anno, cui si aggiunge il relativo indotto. Per questo motivo – conclude Biscotti – molto utile è il vademecum che la Polizia Stradale ha messo a disposizione delle scuole, affinché chi organizza i viaggi d'istruzione possa seguire le linee guida per valutare l'idoneità delle imprese e degli autisti a cui affidiamo la sicurezza degli studenti".

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief