Disabile rifiutato a scuola. La madre: dallo Stato ho avuto solo promesse

di redazione
ipsef

Continuano la loro battaglia i genitori di un bambino di otto anni, disabile, che si è ritrovato a scuola in uno stanzino fatiscente, con un paio di materassi appoggiati sul muro e una stufetta elettrica accanto.

Continuano la loro battaglia i genitori di un bambino di otto anni, disabile, che si è ritrovato a scuola in uno stanzino fatiscente, con un paio di materassi appoggiati sul muro e una stufetta elettrica accanto.

La denuncia dei genitori ha fatto il giro del web  dopo una visita a sorpresa alla scuola elementare del figlio e dopo aver postato su Facebook l'aula di sostegno improvvisata messa a disposizione dalla scuola al piccolo, costretto a vivere sulla sedia a rotelle. Ma a distanza di oltre due mesi, la madre si ritrova al punto di partenza: "Dallo Stato solo promesse. L'unica alternativa è una scuola privata pagandomi l'insegnante di sostegno" ha detto alla stampa.

E' intervenuta ai microfoni du una radio locale ed ha raccontato: "Le maestre ci hanno detto apertamente che non erano in grado di affrontare la disabilità di mio figlio. La situazione non è cambiata. Quando le foto sul web iniziarono a girare, mi sono arrivate decine di telefonate di politici che mi dicevano che mio figlio aveva il diritto di frequentare la scuola e che sarebbe successo di lì a breve qualcosa. Non solo non è successo nulla, ma mio figlio non sta più andando a scuola". E "questo gli sta causando problemi, perché era abituato ad andarci. Le altre scuole sul territorio hanno detto che non hanno possibilità di accoglierlo perché sono piene. E nelle scuole le insegnanti di sostegno spesso non sono qualificate e non sanno come gestire una disabilità come quella di mio figlio". "E' un disastro totale. C'è anche una legge che dice che se tuo figlio non va alla scuola dell'obbligo commetti un reato. Ma lo Stato – ha concluso la madre del bambino – non mi mette in condizione di poterlo fare. Una scuola privata mi ha dato la disponibilità ad accoglierlo, ma non hanno un insegnante di sostegno, quindi dovrei pagarla io".

Versione stampabile
anief anief