Dirigenti scolastici. Cisl: Mobilitazione per rinnovo contratto a fronte di un aumento del carico di lavoro e responsabilità

di redazione
ipsef

La CISL Scuola ha scritto una nota sulla protesta dei dirigenti scolastici, che si riassume nel chiedere un maggiore contribuzione a fronte del carico di lavoro e di responsabilità, accresciuto con la legge di riforma 107.

La CISL Scuola ha scritto una nota sulla protesta dei dirigenti scolastici, che si riassume nel chiedere un maggiore contribuzione a fronte del carico di lavoro e di responsabilità, accresciuto con la legge di riforma 107.

Il sindacato denuncia che le  retribuzioni già molto lontane da quelle normalmente riconosciute alla dirigenza pubblica potrebbe addirittura subire una decurtazione, a causa di un ricalcolo del Fondo Unico Nazionale oggetto di interminabili e irrisolte diatribe interpretative fra ministeri.
 
Il governo parla di centralità della dirigenza, ma non é centralità vera, continua la nota, quella che si vorrebbe riconoscere al dirigente ponendolo  in potenziale conflitto con gli altri operatori della scuola; i dirigenti sono costretti a mobilitarsi e a manifestare perché non si riesce a risolvere definitivamente e positivamente la vicenda della quantificazione e certificazione del FUN 2015/2016, perché non si garantisce la tempestiva fruizione delle risorse stanziate dalla legge 107/2015 e non si assicura il pieno rispetto dei vincoli contrattuali in materia di retribuzione di posizione e di risultato.

I dirigenti scolastici annunciano quindi la mobilitazione e torneranno a  manifestare davanti al MIUR anche con la richiesta del rinnovo dei contratti di lavoro fermi da un ritardo che è stato censurato dalla stessa Corte Costituzionale.

Versione stampabile
anief anief