Dirigenti scolastici. ANP: subito maggiori risorse economiche, anche per pagare i docenti dello staff

di redazione
ipsef

L'ANP comunica che ha di recente avviato una serrata interlocuzione politica per rendere consapevole l’Esecutivo che la situazione dei dirigenti scolastici è grave come non mai e che deve essere risolta al più presto.

L'ANP comunica che ha di recente avviato una serrata interlocuzione politica per rendere consapevole l’Esecutivo che la situazione dei dirigenti scolastici è grave come non mai e che deve essere risolta al più presto.

Nel comunicato si legge che a fronte di un superlavoro e di ulteriori responsabilità non è arrivata invece nessuna specifica risorsa, nonostante siano state previste dalla legge 107.

I presidi denunciano di avere invece subìto decurtazioni salariali.

Si ricorda che ANP, tramite il Consiglio Nazionale riunitosi il 12 e 13 dicembre 2015, ha approvato le Linee guida per il rinnovo del CCNL di area V ed ha chiaramente ribadito la posizione e l’aspettativa dei suoi iscritti che ormai superano il 50% dei dirigenti in servizio.

La complessità dell’attività dirigenziale, scrivono i presidi dell'ANP, è giunta ad un livello tale da ritenere non rimandabile la creazione di un middle management stabile, come da noi sempre auspicato, costituito dai docenti più motivati e preparati,  ma è necessario ora trovare le risorse da mettere a disposizione del dirigente per compensare il lavoro di collaborazione.

L'ANP chiede intanto al Governo di rendere subito disponibili le risorse economiche già previste dalla legge 107 per remunerare i maggiori impegni dei dirigenti.

In occasione dell’imminente Consiglio Nazionale del 19 e 20 marzo, l'Associazione assumerà tutte le decisioni opportune da prendere inerenti la difficile situazione.

Versione stampabile
anief anief