Classi concorso, modifica Regolamento? Docenti III fascia GdI potrebbero partecipare al TFA

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Nella giornata di ieri, 9 gennaio 2017, Miur e sindacati hanno affrontato la questione relativa al nuovo Regolamento sulle classi di concorso che, oltre a presentare diversi errori materiali, non prevede garanzie per i docenti già inseriti nelle graduatorie di Istituto, sulla base dei titoli conseguiti antecedentemente all’entrata in vigore del DPR n. 19/2016.

Nuove classi concorso, gestione flessibile per le varie categorie di docenti: ruolo e precari GaE/GdI

Il problema è costituito dall’articolo 5/1 del citato DPR, in cui leggiamo:

“Coloro i quali, all’entrata in vigore del presente  regolamento, sono iscritti a uno dei percorsi, che costituiscono titolo di accesso alle previgenti classi di concorso, come ridefinite nelle Tabelle A e B del presente regolamento, conseguito  il  titolo  e  gli  eventuali titoli  aggiuntivi  richiesti,  possono  partecipare  alle  prove  di  accesso ai relativi percorsi di tirocinio formativo attivo di cui  al decreto  del  Ministro  dell’istruzione,  dell’università’  e   della ricerca 10 settembre 2010, n. 249.”

Il Regolamento, dunque, garantisce, ai sensi del riportato articolo, solo coloro i quali, all’entrata in vigore del decreto, erano iscritti ai percorsi universitari al fine di conseguire i titoli di accesso alle previgenti classi di concorso. Nulla, invece, è previsto per i docenti già laureati e possibilmente inseriti nella III fascia delle graduatorie di Istituto.

Nell’incontro di ieri, il Miur ha espresso la propria disponibilità, come riferisce la Gilda, a modificare il suddetto articolo attraverso “l’emanando decreto”.

La modifica, qualora posta in essere, permetterà, a coloro i quali sono già laureati e inseriti III fascia delle GdI, di partecipare alle prove di accesso ai relativi percorsi di tirocinio formativo attivo, fermo restando l’acquisizione dei crediti formativi universitari mancanti alla luce del nuovo Regolamento.

E’ doveroso sottolineare che il TFA, di cui sopra, dovrebbe essere nell’ambito della fase transitoria, che traghetterà al nuovo sistema di formazione e reclutamento dei docenti della scuola secondaria.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief