Cambia l’Esame di Stato secondaria II grado, via terza prova e modifiche a punteggi, rimane commissione mista. Ecco come e da quando

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’esame di Stato della secondaria di II grado non cambia per quest’anno. Il Ministero, in un incontro con i sindacati, lo ha voluto nuovamente ribadire nel presentare le modifiche che interverranno con una fase transitoria.

La novità più consistente del nuovo Esame di Stato sarà l’eliminazione della terza prova, e la modifica della modalità di assegnazione del punteggio, con un peso di 40 punti per i crediti scolastici e di 60 punti per le prove d’esame. Dunque l’andamento scolastico peserà molto di più e sarà il punto nodale su cui valutare gli studenti.

Nodo prova Invalsi: non è prevista all’interno dell’Esame, ma sarà effettuata nella parte iniziale del quinto anno (su quale programma non è stato specificato) e sarà obbligatoria per accedere all’esame stesso. Saranno predisposte griglie nazionali per la correzione delle prove.

Le commissioni. Il Ministero ha voluto sgombrare il campo dalle recenti notizie diffuse da riviste non specializzate sulla modifica alle commissioni d’esame. Sembra che la commissione rimanga mista (con prof. interni e prof. scelti speriamo sulla base di regole più chiare), così come esterno rimarrà il Presidente di Commissione.

Versione stampabile
anief anief