Bocciati alle superiori perché le scuole medie funzionano male. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Rainero Renato – Il DS Duri di Cervignano si lamenta dei troppi respinti ma forse non vede la realtà  o non vuole vedere.

Le scuole medie che dovrebbero essere fondamentali nella formazione degli alunni sono state  dequalificate e sono purtroppo il buco nero della scuola italiana e perché?

Proprio perché è  scuola dell’obbligo,  quindi si promuove facilmente, gli alunni restano talora indisciplinati e poi arrivano alle superiori e si cerca di recuperare il possibile ma è impossibile recuperare tutti. Poi se si promuove tutti al triennio che qualità  di alunni avremo?

La scuola non è  un luogo di aiuto idoneo ad aiutare “alunni depressi o ansiosi” ( che probabilmente sono solo a Cervignano?)

Probabilmente il DS si dimentica di avere insegnato, o forse aveva alunni “più bravi”, non può  prendersela con i docenti,  il mondo del lavoro si basa sulla meritocrazia e noi educhiamo gli alunni in modo completamente opposto, bella educazione!

Le eventuali ansie sono anche dovute alla poca abitudine che hanno gli alunni ad accettare “sconfitte” scolastiche o  voti negativi, hanno sempre trovato i problemi “risolti” dalla cosiddetta scuola dell’obbligo. Saluti

Troppi bocciati e con debito. Il Preside: docenti impegnati a decimare popolazione scolastica

Versione stampabile
anief anief