ads

ads
Condividi contenuti
Domande e risposte sul mondo della scuola. Un blog di Orizzontescuola.it
Aggiornato: 28 min 8 sec fa

Domanda GaE: la sezione F1 riguarda solo chi deve cambiare titolo di accesso con uno più favorevole

7 ore 51 min fa

Cinzia - Gentile Lalla, avrei bisogno di alcune delucidazioni in merito alla compilazione della domanda di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento. Ho presentato istanza per le classi di concorso A025 e A028. Premetto che possiedo l’abilitazione del concorso del ’99, ma nel modulo on line non c’era modo di dichiararlo, perché presumo sia un titolo di accesso già dichiarato in precedenza.

Quello che non mi spiego è come mai, dopo aver inoltrato la domanda, nella sezione F1, in alto, compare un riquadro con una X rossa e un avviso che dice "TITOLO DI ACCESSO ISTANZA PER GRADUATORIA NON
PRESENTE"! Come ci si deve comportare? La ringrazio in anticipo per l’aiuto che vorrà/potrà offrirmi.

Lalla – gent.ma Cinzia, il titolo di accesso alle graduatorie ad esaurimento non va dichiarato, come spiegato in questa risposta

la sezione F1 si chiama "Dichiarazione di sostituzione del titlo di accesso"e può essere utilizzata esclusivamente da chi, fra l’aggiornamento del 2011 e la scadenza del 10 maggio 2014 ha conseguito un nuovo titolo di accesso, più favorevole (in termini di punteggio) e chiede di sostituirlo.

Seguici su Facebook, news in tempo reale

I titoli utilizzabili in tal senso sono:

  • SSIS e Cobaslid/Tfa ordinario
  • Titolo UE
  • Diploma di Didattica della Musica
  • Laurea in Scienze della formazione primaria
  • Corso biennale di II livello di educazione musicale

Pertanto, non trovandoti in questa situazione, non ti riguarda quello che compare nella sezione F1 (a meno che per errore non l’abbia compilata).

Tutte le guide sulle graduatorie ad esaurimento

Graduatorie ad esaurimento: titolo di accesso è già noto al sistema

9 ore 12 min fa

Riccardo - Gentile Lalla, all’art. 9 c. 4 del decreto sull’aggiornamento delle GaE leggo che nel modello di domanda dovranno essere dichiarati “oltre al possesso del titolo di abilitazione o di idoneità” i titoli culturali e di servizio valutabili ecc. Essendo inserito in Graduatoria ad esaurimento dal 2009, ho dichiarato già a suo tempo il titolo di abilitazione necessario all’inserimento. Forse è necessario dichiararlo nuovamente? In questo caso, in quale campo del modello di domanda? Grazie

Lalla - gent.mo Riccardo, il sistema on line (utilizzato per la prima volta in occasione dell’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento 2014/17) è strutturato in modo tale che le dichiarazioni già rese in precedenti aggiornamenti sono già acquisite e non vanno ripetute (in particolare il Miur lo sottoline per la sezione C3 sostegno e C4 lingua inglese con apposite FAQ)

Appena accederai alla tua pagina personale infatti nella prima schermata, dopo aver selezionato se partecipi per Permanenza/Aggiornamento/Trasferimento compare la tua situazione personale con i seguenti dati

Fascia di appartenenza – GraduatoriaTipo di inclusione Pieno titolo/riserva – Graduatoria speciale o normale e le sezioni che puoi compilare.

Pertanto il sistema conosce già questi dati, sono già acquisiti, non vanno ripetuti.

L’unica operazione possibile è quella della sezione F1, ossia la modifica del titolo di accesso, qualora tra l’aggiornamento del 2011 e il 10 maggio 2014 tu abbia acquisito un titolo più favorevole (in termini di punteggio), ma non è questo il caso del tuo quesito.

Tutte le guide sulle graduatorie ad esaurimento

Aggiornamento entro 10 maggio solo per le Graduatorie ad esaurimento. Decreto Graduatorie di istituto probabilmente a maggio

9 ore 28 min fa

Claudia - Vi scrivo per sapere come mai durante la domanda di aggiornamento della mia posizione nelle graduatorie ad esaurimento su istanze on line ottengo questo messaggio:

"Aspirante non presente nella base informativa delle graduatorie ad esaurimento. Si vuole procedere con una richiesta di trasferimento dalla provincia di Bolzano? "

Puntualizzo che sono stata docente di chimica nella scuola statale di secondo grado a tempo determinato in questi ultimi due anni. Sto cominciando a preoccuparmi dato che la scadenza e` prossima e non riesco a sbloccare il portale.

Lalla – gent.ma Claudia, la scadenza del 10 maggio riguarda la presentazione della domanda per le Graduatorie ad esaurimento, riservata esclusivamente a chi vi è già inserito, e come ribadito nelle FAQ del Miur del 19 aprile

"Faq n° 1606 - A chi è destinata la funzione di istanze on line per l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo?

Esclusivamente agli aspiranti già presenti nelle suddette graduatorie e agli aspiranti che, provendendo da Bolzano, intendano trasferirsi nelle graduatorie di una provincia del resto d’Italia esclusi Trento e Valle D’Aosta."

Nella tua mail non fai alcun accenno non solo al possesso dell’abilitazione, ma anche al fatto di essere già inserita nelle Graduatorie ad esaurimento (requisito indispensabile per accedere alla procedura attualmente presente su Istanze on line), circostanza che non si dimentica facilmente, dato che è la Graduatoria utilizzata per il 50% delle immissioni in ruolo annualmente disposte.

Da quello che dici è invece probabile che tu sia in attesa del decreto per le Graduatorie di istituto, previsto per il mese di maggio.

In questa guida indichiamo le differenze tra Graduatorie ad esaurimento e graduatorie di istituto. Vai alla guida

Stampa pdf domanda Graduatorie ad esaurimento con anomalie

9 ore 39 min fa

Simone - Gent.ma Lalla, ho inviato il mod. 1 online per l’aggiornamento delle GaE, ma dalla verifica del modello in pdf emerge che talune informazioni sono state trasmesse in maniera non corretta. Di conseguenza ho annullato l’inoltro, ho provato a modificare i dati precedentemente trasmessi e ho proceduto con un nuovo inoltro in sostituzione del precedente, ma il risultato rimane sempre uguale.

Le incongruenze riguardano:

1.l’impossibilità di compilare il campo del quadro H4b (sez. H) dove avrei dovuto inserire l’elenco della documentazione allegata (me lo fa scrivere, ma poi nel pdf il campo si presenta vuoto);

2.durante la compilazione si può leggere l’intero testo del quadro H4b, ma poi il pdf risulta privo della parte seguente: “La suddetta dichiarazione non è necessaria laddove il figlio richiedente la precedenza sia l’unico a convivere con il soggetto disabile. La situazione di unica convivenza deve essere documentata secondo quanto previsto dal vigente C.C.N.I. sulla mobilità del Personale della Scuola”.

3.durante la compilazione della sez. L non sono visibili le due caselle con la dicitura: “la sez. H1..” e “la sez. H4…” per cui io non posso spuntare quella di interesse, ma poi nel pdf compaiono tutt’e due senza spunta, quindi non risulta alcuna scelta;

4.sempre nello stesso quadro relativo alle “Dichiarazioni dell’aspirante” della Sez. L, nel pdf la casella “A” si presenta priva del testo seguente: “…2014/2017 il sottoscritto non è tenuto a produrre nessuna certificazione”.

5.nella pagina riassuntiva del pdf non risulta effettuato l’inserimento della Sez. H4 (manca la spunta).

Nel ringraziarti vivamente per il tuo interesse e rimanendo il attesa di un tuo cortese e puntuale riscontro, ti invio cordiali saluti

Graduatorie ad esaurimento: nel quadro G1 non manca la classe di concorso da aggiornare! Vi spieghiamo perchè

18 ore 10 min fa

Siamo un gruppo di docenti di terza fascia della A019 ; non possiamo compilare la domanda di aggiornamento, perchè nel quadro G1 non è presente la graduatoria A019 ( quando si apre la tendina la A019 è l’unica non presente!!!) Come fare?? Grazie…

Lalla – gent.mi, quando arrivate alla sezione G1 siete già all’interno della classe di concorso A019.

Nella prima schermata infatti avete trovato elencate le classi di concorso in cui siete iscritti (c’è scritta la fascia, la dicitura della classe di concorso, se siete iscritti a pieno titolo o con riserva). E’ cliccando su di essa che arrivate al quadro G1, pertanto siete già all’interno della classe di concorso della classe che vi interessa.

OrizzonteScuola ha avvertito, fin dal 14 aprile, giorno stesso di apertura della procedura, che non si trattava di un bug Graduatorie ad esaurimento 2014: nella pagina dei servizi G1 manca la graduatoria di interesse, ma non è un errrore, vi spieghiamo perchè

Il Miur lo ha poi ribadito in una FAQ, la n. 1607

"Faq n° 1607 - Perché nella comunicazione dei servizi non si vede l`insegnamento relativo alla graduatoria per cui si sta chiedendo l`aggiornamento del punteggio?

Si veda la nota 31 del modello di domanda, dalla quale si evince che il campo va indicato nel solo caso in cui si tratti di servizio non specifico, cioè diverso da quello a cui la graduatoria di riferisce.
Inoltre ai sensi dei punti 3 e 4 lettera B3, tabella di valutazione dei titoli della terza fascia: il servizio è valutabile come aspecifico solo fra infanzia, primaria e personale educativo da una parte e scuola secondaria dall`altra.
Es. se si sta valutando una graduatoria dell`infanzia, nella tendina la graduatoria aspecifica potrà essere scelta solo tra primaria e personale educativo. "

e ancora una volta lo abbiamo ribadito nella guida alla compilazione della sezione G1

Graduatorie ad esaurimento 2014: guida alla compilazione di G1 sezione servizi III e IV fascia. Quali date e giorni inserire

A questo punto, riteniamo non dovrebbero più esserci dubbi

Tutte le guide sulle Graduatorie ad esaurimento

Graduatorie ad esaurimento: inoltro domanda possibile per molti, non ancora per tutti. Risoluzione problema a scaglioni

18 ore 44 min fa

Monica - Ma scusate, dal 23 aprile non doveva esserci un programma nuovo che permetteva di inoltrare la domanda di aggiornamento della graduatoria senza mandare tutto in tilt???…non mi sembra affatto, io sono certamente della vecchia generazione carta e penna e mi trovo piuttosto in difficoltà…

insomma, dopo aver cercato di inoltrare, il sistema mi chiede un CODICE PERSONALE che non ricordo, ma nel momento in cui vado a recuperarlo e faccio un copia incolla di quello nuovo che mi manda il sistema stesso di istanze on line tramite una mail, mi si dice che il codice non risulta valido…ma siamo impazziti!!!:::andando avanti così il 10 maggio è alle porte non vorrei restare fuori dalla graduatoria!!! scusate lo sfogo…che fare???

Lalla – gent.ma Monica, dal 23 aprile il Miur ha affidato la gestione della presentazione delle domande per le graduatorie ad esaurimento per il triennio 2014/17 ad un nuovo software (comunicato 22 aprile).

Nella mattinata del 23 aprile si sono avuti solo problemi, in quanto una anomalia generata per tutti coloro che accedevano al sistema era proprio quella che metti in evidenza tu: l’impossibilità di effettuare l’inoltro per il mancato riconoscimento del codice personale, alfanumerico, che si ottiene durante la fase di registrazione a Istanze on line (ma che se non si ricorda è possibile recuperare attraverso il menu della pagina personale di Istanze on line alla voce Recupero codice personale).

Questo ci ha spinto a inviare immediata segnalazione al Ministero Graduatorie ad esaurimento 2014: nuovo software, nuovi problemi con il codice personale

Il Ministero è intervenuto e nel pomeriggio molti docenti sono riusciti a completare l’operazione di inoltro.

Ogni inoltro avrà l`effetto di salvare i dati acquisiti e contemporaneamente di:

  • Produrre un PDF , il modello compilato dall`aspirante in formato .pdf con tutti i dati acquisiti che sarà salvato nell’archivio 2014, presente sulla Home Page personale di Istanze online
  • Inviare una mail all`aspirante come ricevuta con il modulo della domanda inserita in formato .pdf;
  • Depositare la domanda inserita in una base informativa dedicata. Contestualmente il modulo di domanda sarà messo a disposizione dell`USP che potrà recuperarlo e procedere con le operazioni di competenza.

Ci siamo accorti però che lo sblocco del sistema non è avvenuto per tutti contemporaneamente, ma a scaglioni, cosicchè utenti del nostro forum che nel pomeriggio non riuscivano ancora a completare l’operazione, hanno potuto farlo nel corso della serata. Questo ci porta a dire che nel corso della giornata di oggi la situazione dovrebbe essere resa fluida per tutti gli aspiranti (ricordiamo che la procedura interessa circa 170.000 iscritti nelle GaE) e che non dovrebbero più verificarsi problemi.

Al momento il Ministero non ha comunicato variazioni nella data ultima di presentazione delle domande, ma riteniamo che la proroga sarà concessa e che non ci saranno candidati che rimarranno esclusi per non aver potuto inoltrare la domanda. Facci sapere se in giornata riesci a completare l’operazione.

Congedo parentale al 30% dopo i primi 3 anni del bambino

Mer, 23/04/2014 - 21:50

Michele -  Ho letto che il reddito di riferimento per fruire dei 5 mesi di congedo parentale oltre i tre anni di vita e’ pari a 16.101,47 per l’anno 2013. Volevo solo chiarito se si tratta di un redditi  lordo o di un reddito netto. Grazie.

Paolo Pizzo – Gentilissimo Michele,

per calcolare l’eventuale indennità del 30% si prende in considerazione la retribuzione del periodo mensile scaduto e immediatamente precedente ogni periodo di astensione richiesto, anche in via frazionata.

A tal fine va dichiarato il reddito individuale presunto riferito all’anno in corso, con necessità di dichiarazione definitiva, ai fini degli eventuali conguagli, alla scadenza dei termini per la denuncia dei redditi.

Per reddito individuale del dipendente si intende il reddito lordo imputabile esclusivamente al dipendente che usufruisce del congedo, escludendo il reddito degli altri componenti la famiglia, e comprensivo di tutte le fonti di reddito ad esclusione della prima casa, del TFR e delle relative anticipazioni, di emolumenti arretrati soggetti a tassazione separata, di redditi esenti o già tassati alla fonte.

Il reddito si intende al lordo di qualsiasi detrazione (oneri deducibili) e al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali.

Proroga della supplenza quando il titolare è assente per lutto. Chiarimenti per la scuola

Mer, 23/04/2014 - 18:20

Scuola – è possibile prorogare un contratto supplenza breve  facendo rientrare anche i 3 giorni di lutto della docente assente?

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

la risposta è positiva.

l’istituto della proroga dei contratti per i docenti assunti a tempo determinato è contenuto nel D.M. 131/2007 che all’art. 7 (“Supplenze conferite utilizzando le graduatorie di circolo e di istituto”), comma 4 e  prescrive:

“Per ragioni di continuità didattica, ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto solo da giorno festivo o da giorno libero dall’insegnamento, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea viene prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto” ;

Si precisa che ciò che rileva ai fini della continuazione della supplenza è esclusivamente la continuità dell’assenza del titolare e non la causa che ne ha determinato l’assenza.

Esami di terza media: il docente di sostegno supplente breve ha diritto alla proroga anche se l’allievo disabile non è ammesso agli esami

Mer, 23/04/2014 - 17:56

Giovanni – sono un insegnante supplente di sostegno scuola secondaria1grado. Ho il contratto fino al 8.06.14, ma avendo una terza media dovrei andare fino a fine giugno. La mia domanda è questa: se nel caso il ragazzino certificato che io seguo non viene ammesso all’esame di terza media, la scuola mi farà comunque il contratto-proroga per gli esami? Spero in una sua risposta

Paolo Pizzo – Gentilissimo Giovanni,

la risposta è positiva.

I docenti di sostegno assumono la contitolarità delle sezioni e delle classi in cui operano, partecipano alla programmazione educativa e didattica e alla elaborazione e verifica delle attività di competenza dei consigli di intersezione, di interclasse, di classe e dei collegi dei docenti.

L’art. 15/10 dell’O.M. n. 90/2001 precisa:

I docenti di sostegno, a norma dell’art. 315, comma quinto, del D.Lvo n.297/1994, fanno parte del Consiglio di classe e partecipano, pertanto, a pieno titolo alle operazioni di valutazione, con diritto di voto per tutti gli alunni della classe”.

Gli artt. 2/5 e 4/1 del DPR 122/2009 prevedono:

I docenti di sostegno, contitolari della classe, partecipano alla valutazione di tutti gli alunni,avendo come oggetto del proprio giudizio, relativamente agli alunni disabili, i criteri a norma dell’articolo 314, comma 2, del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297. Qualora un alunno con disabilità sia affidato a più docenti del sostegno, essi si esprimono con un unico voto”.

Pertanto, dal momento che il docente di sostegno è a tutti gli effetti docente della classe e non solo del “suo” allievo, partecipa d’ufficio agli esami di terza media anche se l’allievo in questione non dovesse essere ammesso. Una commissione d’esame di terza media senza un suo componente sarebbe un collegio “imperfetto”.

A supporto di ciò si legga ancora l’O.M. 90/2001:

Art. 9/13: In ciascuna scuola media è costituita una commissione per l’esame di licenza, composta d’ufficio da tutti i professori delle terze classi che insegnano le materie di esame previste dall’art.3 della legge 16 giugno 1977, n. 348, nonché dai docenti che realizzano forme di integrazione e sostegno a favore degli alunni handicappati di cui al secondo comma dell’art. 7 delle legge 4 agosto 1977

Art. 11/10: I docenti nominati per attività di sostegno a favore di alunni handicappati, di cui al secondo comma dell’art.7 della legge 4.8.1977, n. 517, fanno parte del consiglio di classe e partecipano, pertanto, a pieno titolo alle operazioni di valutazione periodiche e finali ed agli esami di licenza di scuola media. Tali docenti, alla luce dei principi contenuti nella legge 5 febbraio 1992, n. 104, hanno diritto di voto per tutti gli alunni in sede di valutazione complessiva del livello globale di maturazione raggiunta e di formulazione del giudizio sintetico di cui alla legge 5 aprile 1969, n. 119.

Inserimento titolo PAS nelle graduatorie ad esaurimento

Mer, 23/04/2014 - 17:17

Cristina – Gentilissimi volevo, se possibile, un chiarimento circa l’aggiornamento delle graduatorie permanenti da effettuare entro il 10 maggio. Io sono iscritta in queste graduatorie da anni e al momento sto frequentando un corso PAS per la classe di concorso A029 che vedrà la sessione de gli esami finali a luglio: nell’aggiornamento devo solo mettere il punteggio derivato dagli ultimi tre anni di servizio o inserire la riserv a dal momento che il titolo di abilitazione lo otterrò dopo la data del 10 maggio 2014? Vi ringrazio e rimango in attesa di vostra risposta

Lalla - gent.ma Cristina, nella tua mail mancano alcune informazioni.

Se intendi alludere ad una riserva per inserirti nella graduatoria ad esaurimento per la classe di concorso A029, questa è assolutamente da escludere. Intendiamo dire che non potresti inserirti nella graduatoria ad esaurimento della A029 neanche se fossi in possesso del titolo entro il 10 maggio 2014, poichè le graduatorie ad esaurimento non prevedono l’ingresso di nuovi aspiranti (da qui il nome, sancito con la legge 296/06). Su questo aspetto sono in atto dei ricorsi, ma non è questa la sede per parlarne, se ne occupano sindacati e avvocati.

Se invece intendi alludere ad una riserva per poter inserire i 3 punti riconosciuti per altra abilitazione dal puntco C2 della tabella di valutazione dei titoli (allegato 2), allora il titolo deve essere necessariamente in possesso entro la data di scadenza per la presentazione della domanda. Non sono possibili deroghe alla presentazione di "altri titoli", in quanto non sono direttamente legati alla possibilità di avere supplenza o ruolo.

Quindi, per avere i 3 punti spettanti per altra abilitazione, bisognerà necessariamente attendere il 2017 (prossimo aggiornamento).

Tra l’altro, non ci hai detto se sei inserita in graduatoria per una classe di concorso della scuola secondaria, in quanto questo è l’unico caso in cui puoi usufruire dei 3 punti, che non ti spettano invece se figuri nelle graduatorie di infanzia e/o primaria. La tabella di valutazione dei titoli afferma infatti "le idoneità e le abilitazioni per la scuola dell’infanzia , per la scuola primaria e per gli istituti educativi non sono valutabili per le graduatorie relative alle scuole secondarie e viceversa".

Graduatorie ad esaurimento: l’odissea dei depennati, costretti a ricominciare da capo l’iter per il ruolo

Mer, 23/04/2014 - 16:31

Patrizia – Cara Lalla, per anni (almeno dal 2002), sono stata nelle graduatorie ad esaurimento di Milano e prov. per le classi di concorso A019 e PPP, fino a quando sono stata depennata , presumo in via definitiva, per non aver provveduto all’aggiornamento delle penultime domande ( in realtà, per un disguido di inoltro).

Non ho proposto ricorso, all’epoca, nella certezza più viva di potermi reinserire in occasione del successivo aggiornamento; a quanto pare, però, il reinserimento, oggi, non è previsto. Ora, chiedo se avrò mai la possibilità di rientrare nelle graduatorie definitive ad esaurimento???

E se non fosse possibile, per i soliti “vuoti” legislativi e cavilli burocratici, mi chiedo se sia giusto non poter più ambire ad una ipotetica, illusoria, quanto improbabile, immissione in ruolo per ben due classi di concorso (A019 e PPP) ??? e fare affidamento alle sole graduatorie di circolo e d’istituto, peraltro , in seconda fascia (assurdo!).Chiedo lumi e ringrazio per la eventuale risposta. saluti

Lalla - gent.ma Patrizia, non so chi o quale normativa nel 2011 ti abbia dato la certezza di un reinserimento nel 2014. La normativa oggi è uguale a quella del 2011, e l’interpretazione restrittiva del Miur non consente reinserimenti.

Nel frattempo molti ricorsi sono stati vinti in tal senso, e qualcuno lo abbiamo segnalato attraverso le pagine di www.orizzontescuola.it

In questo ad es. mettiamo in evidenza anche le motivazioni addotte dal giudice del lavoro “Il tenore della legge 296/06 induce a ritenere bloccati i nuovi inserimenti per il futuro, ma non può escludere il recupero di chi già si era collocato nella graduatoria: anche perchè l’art. 1 comma 1 bis della legge 143/2004 è ancora in vigore nella sua interezza”. Graduatorie ad esaurimento: il Miur depenna, il giudice reinserisce Graduatorie ad esaurimento: a Reggio Calabria reinserimento candidata che non aveva presentato domanda di aggiornamento

Alla luce di ciò, il ricorso nell’immediato è l’univa via per poter ambire a rientrare nelle graduatorie ad esaurimento; ti ricordiamo che per poter presentare ricorso è necessario dimostrare di aver presentato la domanda, per manifestare l’interesse alla permanenza in graduatoria; poichè chi non ne ha diritto non può accedere alla piattaforma presente su Istanze on line per la presentazione della domanda, in questo caso è necessario presentare un modello cartaceo (che sarà inevitabilmente respinto dall’Ufficio Scolastico). Vari sindacati si stanno occupando di questa problematica; va segnalato che i ricorsi hanno effetto individuale.

Parallelamente (poichè non si sa quando potrà essere emanata la sentenza, qualora decidessi di ricorrere)  ti toccherà comunque ricominciare da capo l’iter per il ruolo. Questo significa che potrai iscriverti nella II fascia delle graduatorie di istituto e partecipare alle nuove modalità di reclutamento, quando ci saranno.

Graduatorie ad esaurimento 2014: nuova versione software ha cancellato PEC

Mer, 23/04/2014 - 10:56

Riccardo – Gentile Lalla, nei giorni scorsi ho cominciato a compilare la domanda, e mi sono accorto che sulla schermata e sul modulo salvato in pdf compariva, tra i recapiti, il mio indirizzo PEC. Andando oggi a modificare e completare la domanda, mi sono accorto che quel campo, che precedentemente compariva già compilato automaticamente, è vuoto e non c’è possibilità nemmeno di scrivere l’indirizzo PEC manualmente. È un fatto comune a tutti o è un mio problema personale? Come procedere? Grazie

Lalla - gent.mo Riccardo, è accaduto a tutti, per cui non c’è da preoccuparsi. Il Ministero non ha dato spiegazione di ciò, ha solo messo on line la nuova versione del software, nonostante essa continui a dare problemi nella funzione di Inoltro (Graduatorie ad esaurimento 2014: nuovo software, nuovi problemi con il codice personale)

Una possibile spiegazione potrebbe essere quella di ovviare alle numerose domande da parte di chi non era in possesso dell’indirizzo di Posta Certificata, e vedendo il campo vuoto tentava di "riparare" acquisendo un indirizzo.

Probabilmente si è ritenuto che mantenere per tutti un unico indirizzo potesse aiutare a gestire meglio le fasi successive della procedura. Se ci saranno comunicazioni da parte del Ministero, non mancheremo di inserirle nella home page di www.orizzontescuola.it

Tutte le guide sulle Graduatorie ad esaurimento

Graduatorie ad esaurimento 2014: non è possibile modificare il punteggio attribuito al salvaprecari nel 2011

Mar, 22/04/2014 - 21:17

Rossella - Carissimi redattori di Orizzonte scuola, ho letto quanto pubblicato sul forum in merito al salvaprecari dei tre anni precedenti ma sono molto confusa.

Nel triennio precedente ho svolto l’intero anno di servizio per la A043 e nel dichiararlo ho preferito dimezzare il punteggio a favore della A052, ora essendone pentita vorrei recuperare il punteggio pieno nella A043 dichiarando l’appartenenza al salvaprecari che non ho fatto nell’aggiornamento precedente. Non so se posso. Attendo una vostra risposta. Grazie.

Lalla - gent.ma Rossella, la risposta è negativa. Il principio su cui si regge l’aggiornamento periodico delle graduatorie ad esaurimento è quello secondo cui si aggiungono man mano nuovi titoli e servizi, ma quanto già dichiarato non è modificabile.

Il modello presente su Istanze on line presenta, per chi ne aveva diritto, la schermata E0 anche per gli aa. ss. 2009/10 e 2010/11 perchè magari qualcuno potrebbe aver omesso di dichiarare il salvaprecari (o il punteggio corrispondente) per quegli anni.

Seguici su Facebook, news in tempo reale

Ma chi per quegli anni ha già operato una scelta, non può più tornare indietro. Non esiste infatti la possibilità di rimodulare servizi già presentati. Il dm n. 225 del 1° aprile 2014 lo esclude categoricamente all’art. 2 comma 3 "Non è invece possibile spostare i punteggi già attribuiti ai sensi della tabella di valutazione relativa alla III fascia delle graduatorie ad esaurimento, da una graduatoria ad un’altra.".

A nulla rileva il fatto che possa trattarsi di salvaprecari, tu hai già rinunciato ai 12 punti che ti attribuiva il salvaprecari nell’aggiornamento del 2011.

Purtroppo la normatia ministeriale è molto restrittiva su questo punto, non è possibile modificare ad ogni aggiornamento i punteggi già attribuiti, tant’è vero che si possono dichiarare solo i nuovi servizi, o quelli mai dichiarati (ma quest’ultimo non è il tuo caso).

Tutte le guide sulle Graduatorie ad esaurimento

Visite specialistiche: la nota ministeriale n. 5181 del 22 aprile 2014 non riguarda il comparto Scuola, ma è “utile” a tenere alta l’attenzione sull’argomento

Mar, 22/04/2014 - 21:01

Docente – In merito alla nota pubblicata in home page e riportata da altri siti che si occupano di scuola, si chiede un parere definitivo sulla possibilità di fruire della malattia per l’espletamento delle visite specialistiche o esami diagnostici.

Paolo Pizzo – Gentilissimo docente,

è utile precisare, come correttamente riportato in home page e non come erroneamente riportato da altri siti che si occupano di materia scolastica, che la nota in oggetto non riguarda nello specifico il Comparto scuola ma quello Ministeri.

Se leggi infatti attentamente l’articolo è correttamente riportato che i chiarimenti del MIUR sono per il personale del comparto Ministeri e che si attendono ancora precisazioni specifiche per il personale della scuola.

Basti infatti porre attenzione non solo a chi è indirizzata la nota, ma anche al CCNL a cui si fa riferimento quando si specifica di fruire dei permessi per motivi personali, brevi o “riposi compensativi”: art. 18 CCNL 16.5.1995; permessi brevi di cui all’art. 20 del CCNL 16.5.1995 o riposi compensativi di cui agli artt. 26 e 27 CCNI 16.5.2001, integrativo del CCNL 16.2.1999.

Si sta facendo espresso riferimento agli articoli del CCNL del Comparto Ministeri, non a quelli dell Comparto Scuola.

Strano che ciò sia sfuggito ad alcuni degli “addetti ai lavori” di materia scolastica creando forse inutilmente un po’ di ansia (anche se quella ce l’abbiamo già in relazione a tale argomento) nei dipendenti della scuola.

Evidenziando tale nota si  vuole ribadire la necessità di non abbassare l’attenzione su un argomento molto delicato che è quello del diritto alla salute dei lavoratori. Nonostante infatti la nota appena emanata riguardi il personale del comparto Ministeri sicuramente ci dà uno “spaccato” del  pensiero ministeriale sulla questione sperando che ciò non si “replichi” anche per i docenti e per gli ATA.

Pertanto, non essendoci ancora novità ministeriale sul fronte Scuola rimaniamo sempre dell’idea che la circolare della Funzione Pubblica e tale parere per il Comparto Ministeri, se confermato anche per quello della Scuola, è sicuramente fuori luogo, molto penalizzante e di conseguenza non applicabile ai docenti e agli ATA ovvero a tutti i dipendenti del Comparto scuola.

Ricordiamo che abbiamo già espresso le nostre perplessità sull’argomento e alcuni sindacati, tra cui la UIL scuola, hanno emanato anche delle note esplicative che rimarcano tale concetto.

 

 

Graduatoria ad esaurimento: dichiarazione superamento prove concorso 2012

Mar, 22/04/2014 - 18:50

Federica - Sono un’insegnante precaria di scuola primaria, pertanto in questi giorni devo provvedere all’aggiornamento della graduatoria.

Premesso che oggi non riesco a collegarmi per problemi alla pagina "Istanze on line" anche per la semplice assistenza WEB, mi servirebbe di sapere dove posso inserire il superamento del concorso, di cui al DDG 82/2012 per la stessa classe di concorso, e la certificazione di livello B2 come previsto dal quadro comune europeo di riferimento per la lingua inglese. Grazie per la collaborazione, saluti.

Lalla – gent.ma Federica, la certificazione non è titolo valutabile nella Graduatoria ad esaurimento, in quanto non compresa nella tabella di valutazione dei titoli allegata al dm n. 235 del 1° aprile 2014. Si tratta di una tabella di valutazione dei titoli che risale ormai al 2007 e che per certi versi può apparire anacronistica, ma che non si è voluto modificare per cristallizzare determinate situazioni, a tutela dei docenti inseriti nelle graduatorie.

Per quanto riguarda invece la valutazione del concorso, ci sono varie interpretazioni.

Questo quanto comunicato in maniera informale dal Miur

Graduatorie ad esaurimento 2014: per il Miur concorso 2012 superato non vale 3 punti, di parere diverso la Gilda

Sul nostro forum ci sono pareri diversi, e alcuni colleghi si stanno organizzando per comunicare comunque il "titolo". Una delle conversazioni

Tutte le guide sulle graduatorie ad esaurimento

Permessi per l’assessore comunale e graduatoria interna di istituto. Chiarimenti per la scuola

Mar, 22/04/2014 - 13:08

Scuola – chiediamo info e supporto in merito al seguente problema: presso la nostra scuola è in servizio una docente di scuola primaria che da poco ha ricevuto l’incarico di assessore comunale. quali permessi può usufruire anche considerando che il comune ove svolgerà la funzione di assessore è inferiore a 15.000 abitanti? inoltre tale docente ha diritto di essere esclusa dalla graduatoria d’istituto per l’individuazione dei soprannumerari? la nostra scuola ha già pubblicato al graduatoria interna provvisoria e dovrà procedere alla pubblicazione di quella definitiva. l’incarico di assessore è stato conferito dopo la pubblicazione della graduatoria provvisoria. Ringraziamo sin d’ora per l’attenzione che vorrete riservare alla nostra richiesta esprimendo sincera ammirazione per il garbo, la professionalità e la grande precisione mostrata nell’analisi delle questioni prospettate. Con l’occasione si porgono anche i migliori auguri per una felice pasqua.

Paolo Pizzo – Gentile scuola,

Primo quesito

la normativa generale è contenuta negli artt. 79, 80 e 81 del D.Lgs. n. 267/2000, come modificati dalla Legge n. 244/2007, dall’art. 16/21 del D.L. n. 138/2011, convertito nelle Legge n. 148/2011 e dall’art. 2 bis della Legge n. 26/2001; art. 68 del D.Lgs. n. 165/2001.

Trattandosi di comune con popolazione inferiore ai 15000 abitanti, la docente ha diritto:

  • Permessi retribuiti per partecipazione ai lavori consiliari

Il 1° comma dell’articolo 79 del D.Lgs. n. 267/2000 prevede la possibilità di usufruire di permessi retribuiti per  l’intera giornata in cui si prende parte ai lavori consiliari. Detta disposizione riguarda  i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, componenti dei consigli comunali, provinciali, metropolitani, delle comunità montane e delle unioni di comuni, nonché dei consigli circoscrizionali dei comuni con popolazione superiore a 500.000 abitanti per le sedute dei rispettivi consigli. Nel caso in cui i consigli si svolgano in orario serale , i predetti lavoratori hanno diritto a non riprendere il lavoro prima delle ore 8 del giorno successivo; nel casi in cui i lavori dei consigli si protraggano oltre la mezzanotte, hanno diritto di assentarsi dal servizio per l’intera giornata successiva. Nel caso in cui la riunione non ha luogo per mancanza del numero legale, il permesso spetta al consigliere che dal verbale dell’adunanza risulta presente all’appello dopo il quale la riunione è stata dichiarata deserta.

  • Permessi retribuiti per partecipazione ai lavori di giunta, organi esecutivi e commissioni consiliari circoscrizionali formalmente costituite

Il 3° comma del già citato articolo 79 prevede la fruizione dei permessi in questione da parte dei lavoratori membri delle giunte comunali, provinciali, metropolitane, delle comunità montane, nonché degli organi esecutivi dei consigli circoscrizionali, dei municipi, delle unioni di comuni e dei consorzi fra enti locali, ovvero facenti parte delle commissioni consiliari o circoscrizionali formalmente istituite nonché nelle commissioni comunali previste per legge, ovvero che siano membri delle conferenze dei capigruppo e degli organismi di pari opportunità, previsti dagli statuti e dai regolamenti consiliari. Il tempo riferito all’adunanza ha inizio dall’ora di convocazione per coloro che alla stessa sono presenti e dall’inizio della partecipazione, risultante dal verbale, per coloro che intervengono successivamente. La partecipazione ha termine con la conclusione o con l’uscita definitiva dalla riunione, secondo l’ora indicata al verbale. Tale diritto, come previsto dall’art. 24 comma 3 della legge 265/99 comprende il tempo per raggiungere il luogo della riunione e rientrare al posto di lavoro, tempo che secondo la circolare ministeriale 224/86 va calcolato secondo l’orario ufficiale delle ferrovie.

  • Ai sensi del 5° comma sempre dell’articolo 79 spettano permessi non retribuiti in aggiunta ai precedenti fino ad un massimo di 24 ore lavorative al mese, qualora siano necessarie per l’espletamento del mandato.

A questo si aggiunge anche la possibilità per la docente di richiedere l’aspettativa non retribuita di cui all’art. 81:

I sindaci, i presidenti delle province, i presidenti dei consigli comunali e provinciali, i presidenti delle comunità montane e delle unioni di comuni, nonché i membri delle giunte di comuni e province, che siano lavoratori dipendenti possono essere collocati a richiesta in aspettativa non retribuita per tutto il periodo di espletamento del mandato. Il periodo di aspettativa è considerato come servizio effettivamente prestato, nonché come legittimo impedimento per il compimento del periodo di prova. I consiglieri di cui all’articolo 77, comma 2, se a domanda collocati in aspettativa non retribuita per il periodo di espletamento del mandato, assumono a proprio carico l’intero pagamento degli oneri previdenziali, assistenziali e di ogni altra natura previsti dall’articolo 86

Per la programmazione e l’effettiva fruizione dei permessi dovete poi fare riferimento al CCNL Scuola:

L’art. 38 (personale docente) dispone che:

1.Nei confronti del personale docente chiamato a ricoprire cariche elettive, si applicano le norme di cui al d.lgs 18.08.2000, n.267 e di cui all’art. 68 del d.lgs. 30 marzo 2001, n.165. Il personale che si avvalga del regime delle assenze e dei permessi di cui alle leggi predette, è tenuto a presentare, ogni trimestre, a partire dall’inizio dell’anno scolastico, alla scuola in cui presta servizio, apposita dichiarazione circa gli impegni connessi alla carica ricoperta, da assolvere nel trimestre successivo, nonché a comunicare mensilmente alla stessa scuola la conferma o le eventuali variazioni degli impegni già dichiarati.

2. Nel caso in cui il docente presti servizio in più scuole, la predetta dichiarazione va presentata a tutte le scuole interessate.

3. Qualora le assenze dal servizio derivanti dall’assolvimento degli impegni dichiarati non consentano al docente di assicurare la necessaria continuità didattica nella classe o nelle classi cui sia assegnato può farsi luogo alla nomina di un supplente per il periodo strettamente indispensabile e, comunque, sino al massimo di un mese, durata prorogabile soltanto ove se ne ponga l’esigenza in relazione a quanto dichiarato nella comunicazione mensile di cui al comma 1, sempreché non sia possibile provvedere con altro personale docente in soprannumero o a disposizione.

4. Per tutta la durata della nomina del supplente il docente, nei periodi in cui non sia impegnato nell’assolvimento dei compiti connessi alla carica ricoperta, è utilizzato nell’ambito della scuola e per le esigenze di essa, nei limiti dell’orario obbligatorio di servizio. prioritariamente per le supplenze e per i corsi di recupero.

5. La programmazione delle assenze di cui ai precedenti commi 1 e 2 non ha alcun valore sostitutivo della documentazione espressamente richiesta dal D.lgs. n.267/2000, che dovrà essere prodotta tempestivamente dall’interessato

Secondo quesito

Il dirigente scolastico formula le graduatorie interne di istituto tenendo presente che debbono essere valutati soltanto i titoli in possesso degli interessati entro il termine previsto per la presentazione della domanda di trasferimento.

Ai fini dell’esclusione dalla graduatoria per l’identificazione dei perdenti posto da trasferire d’ufficio dei soggetti beneficiari delle precedenze di cui al punto I), III), V) e VII) dell’art. 7 – sistema delle precedenze – del TITOLO I del presente contratto, debbono essere prese in considerazione le situazioni che vengano a verificarsi entro i termini di presentazione delle domande di trasferimento previsti dall’O.M. Qualora l’interessato non abbia provveduto a dichiarare o a documentare i titoli valutabili ai fini della formazione della graduatoria di cui sopra, il dirigente scolastico provvede d’ufficio all’attribuzione del punteggio spettante sulla base degli atti in suo possesso. A parità di punteggio, la precedenza è determinata in base alla maggiore età anagrafica.

Ringraziamenti 

A nome di tutta la redazione di OS si coglie l’occasione di ringraziare voi e tutte le altre scuole che ci scrivono (ringraziamo inoltre i numerosi Dirigenti scolastici e i DSGA che si firmano e ci inviano i quesiti) offrendoci questa opportunità di confronto e ponendo come obiettivo comune quello di chiarire tante questioni che altrimenti rimarrebbero irrisolte o comunque potrebbero creare inutili problemi.

Siamo molto contenti di dare un utile contributo.

Due frazioni di congedo parentale intervallate da malattia del bambino sono considerate tutto “congedo parentale”

Mar, 22/04/2014 - 12:29

Raffaella – sono una docente in astensione facoltativa. Terminato tale periodo devo necessariamente prendere alcuni giorni per malattia del bambino. Se dovessi continuare con un altro periodo di astensione facoltativa come verrebbe considerato il predetto periodo di malattia? Cambiando il titolo di assenza questi tre periodi vanno conteggiati singolarmente o rischio che vengano conteggiati tutti come facoltativa ? Grazie infinite per la consulenza. Le informazioni che mi fornirete saranno preziose!

Paolo Pizzo – Gentilissima Raffaella,

si premette che ai sensi dell’art. 12, comma 6, del CCNL 29/11/2007 (congedi parentali) ”6. I periodi di assenza di cui ai precedenti commi 4 e 5, nel caso di fruizione continuativa, comprendono anche gli eventuali giorni festivi che ricadano all’interno degli stessi. Tale modalità di computo trova applicazione anche nel caso di fruizione frazionata, ove i diversi periodi di assenza non siano intervallati dal ritorno al lavoro del lavoratore o della lavoratrice.”

Ci troviamo di fronte ad un’assenza di tipo ciclica che ha inizio con un periodo di congedo parentale e termina con la fruizione dello stesso congedo, intervallato da altra tipologia di assenza ovvero congedo per malattia bambino.

Pertanto, nel caso di cui al quesito tutto il periodo ti verrà considerato come congedo parentale in quanto l’assenza per malattia del bambino ricadrà all’interno di due differenti frazioni di congedo parentale senza nessuna ripresa del servizio.

Graduatorie ad esaurimento: è possibile indicare servizio antecedente al 2011, mai fatto valutare

Mar, 22/04/2014 - 12:11

Marcello – Vogliate essere cortesi dal dirmi se è possibile inserire nel nuovo aggiornamento servizio prestato negli anni 2008/2011 omessi per mera dimenticanza? E in quale quadro va inserito?

Lalla - gent.mo Marcello, la risposta è affermativa, se per gli anni indicati non hai raggiunto il punteggio massimo valutabile per il servizio.

Quindi, se nel precedente aggiornamento hai già segnalato servizi che ti hanno dato diritto a 12 punti per anno scolastico (o il massimo raggiungibile tra servizio specifico e non specifico), è inutile dichiarare altri servizi. Se invece non avevi il massimo punteggio e sono rimasti altri servizi utili per il punteggio, questa è l’occasione giusta per dichiararli.

Seguici su Facebook, news in tempo reale

Il dm n. 235 del 1° aprile 2014 a questo proposito dice

5. Al punteggio posseduto dai candidati già iscritti in graduatoria di I, II e III fascia, si aggiunge quello relativo ai nuovi titoli e servizi conseguiti successivamente all’ 1 giugno 2011 – termine per la presentazione delle domande di partecipazione alla procedura di integrazione delle graduatorie ad esaurimento, indetta ai sensi del DM n. 44 del 12 maggio 2011 – ed entro la data di scadenza del termine di presentazione delle domande, ovvero a quelli già posseduti, ma non presentati entro la suddetta data dell’ 1 giugno 2011. I servizi svolti successivamente a quest’ultima data debbono essere dichiarati solo se l’aspirante non abbia raggiunto, per l’ anno scolastico 2010/11, il punteggio massimo consentito.

6. Al punteggio posseduto dai candidati già iscritti in graduatoria di IV fascia, si aggiunge quello relativo ai nuovi titoli e servizi conseguiti successivamente al 10 luglio 2012 – termine per la presentazione delle domande di iscrizione alla IV fascia delle graduatorie ad esaurimento, la cui procedura è stata indetta con DM n. 53 del 14 giugno 2012 – ed entro la data di scadenza del termine di presentazione delle domande, ovvero a quelli già posseduti, ma non presentati entro la suddetta data dell’ 10 luglio 2012. I servizi svolti successivamente a quest’ultima data debbono essere dichiarati solo se l’aspirante non abbia raggiunto, per l’ anno scolastico 2011/12, il punteggio massimo consentito.

N.B. Sono valutabili esclusivamente i servizi di insegnamento curricolare, corrispondenti a posti o classi di concorso per i quali sono costituite le correlate graduatorie ad esaurimento.

Il quadro da utilizzare per segnalare i servizi  è il G1 per le graduatorie di III e IV fascia.

Tutte le Guide sulle Graduatorie ad esaurimento

Docenti di ruolo, anche con nomina solo giuridica dal 2013, non aggiornano graduatorie ad esaurimento

Mar, 22/04/2014 - 10:32

Assunta - La presente per avere comunicazioni in merito al seguente quesito : sono una docente passata di ruolo il 01 settembre 2013 giuridicamente ed economicamente dal 01 settembre 2014, volevo sapere se devo fare domanda di aggiornamento delle graduatorie.

Lalla - la risposta è negativa. Il docente di ruolo non può presentare domanda di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento (la tua situazione – nomina giuridica 2013 ed economica 2014 – non è meno "di ruolo" rispetto a chi ha avuto nomina giuridica ed economica dal 1° settembre 2013. Infatti avrai presentato la domanda di mobilità per avere assegnata nell’a.s. 2014/15 la sede definitiva di titolarità.

Domanda di mobilità e domanda di aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento non possono essere presentate dalla stessa persona, essendo la prima procedura destinata ai docenti di ruolo e la seconda ai docenti precari (o si è l’uno o si è l’altro).

Seguici su Facebook, news in tempo reale

Data la nomina giuridica nel corso dell’anno scolastico, è possibile che il tuo nominativo compaia ancora nel database del Ministero e che accedendo alla tua pagina personale di Istanze on line abbia la possibilità di presentare la domanda, ma questo non vuol dire nulla.

Bisogna considerare il tuo nuovo status giuridico, che è quello di docente di ruolo. Da questo momento in poi sei titolare nella classe di concorso per la quale sei stata assunta a tempo indeterminato, se vuoi passare in altre classi di concorso devi seguire le modalità previste dal Contratto sulla mobilità, a partire dal prossimo anno scolastico.

Graduatoria ad esaurimento: la sez. H2 e numero di figli

Mar, 22/04/2014 - 10:13

Franco  – cercando di  compilare la domanda di permanenza in GAE esaurimento 2014/2017 , nella sez.H2 riguardo all’inserimento dei  titoli di preferenza (figli a carico) persiste ancora la dicitura di compilazione obbligatoria riguardo all’Ente-Data atto e numero di atto. Cosa bisogna inserire o fare? Avevano detto che il problema era stato risolto.

Paolo Pizzo  – Gentilissimo Franco,

il problema è stato risolto (ho già compilato diverse domande in tal senso e quindi te lo dico con certezza).

Pertanto, la schermata è rimasta uguale, contenete quindi anche lo spazio per inserire Ente ecc., ma nel caso dei figli tali riquadri non andranno compilati e quindi andranno lasciati in bianco. Il sistema permette così di andare avanti.

Lo speciale di OS

rss facebook twitter google+
ads
ads
ads ads


In evidenza